di Giorgio Cozzi. Finalmente si è avverato il sogno di Cozzi di incontrare una brava medium, che ha subito sottoposta a dei test di controllo. L’avevo conosciuta da poco tempo, uno dei tanti contatti che attraverso il web si realizzano quando si è un punto di riferimento della parapsicologia. Il rapporto con una potenziale sensitiva nasce sempre intorno ad alcune ...

di Giorgio Cozzi. Ritratto di un personaggio controverso e misterioso, corteggiato, temuto e perseguitato dai potenti e soprattutto dal Vaticano, che lo fece rinchiudere a San Leo. La leggenda assegna al personaggio Cagliostro un ruolo da “grande”, tuttavia la sua storia è talmente intricata e imbevuta di ambiguità, che non si è ancora deciso se si tratti di un maestro ...

di Giorgio Cozzi. Uno dei più grandi sensitivi mai esistiti in Italia è di nuovo protagonista di un documentario di Villa – Danelli Per quanto si sia scritto o detto su Adolfo Gustavo Rol, si resta sorpresi di fronte a nuove e significative testimonianze di chi l’ha frequentato o ha vissuto esperienze accanto a lui. Il fascino esercitato da questo ...

di Giorgio Cozzi. Un medium straordinario che per anni ci ha trasmesso in trance messaggi di alta levatura filosofica e incredibili fenomeni fisici, come apporti e levitazioni. Nel panorama delle esperienze medianiche un posto speciale è sicuramente ricoperto da Roberto Setti, di Fireze, che è stato il perno del famoso Cerchio Firenze 77, per molti anni  al centro dell’attenzione del ...

di Giorgio Cozzi. Ritratto di un grande sensitivo, un fotografo americano che quando andava in uno stato d’ipnosi faceva diagnosi strabilianti e qualche volta prescriveva cure ancora sconosciute. Il 9 ottobre 1910 il New York Times pubblicò un articolo intitolato Un uomo colto diventa medico sotto ipnosi, riportando la storia di un uomo che aveva la straordinaria facoltà di andare ...

di Giorgio Cozzi. I grandi personaggi della storia del paranormale hanno sempre suscitato ammirazione da una parte e sconcerto o opposizione dall’altra. Spesso ciò è dovuto al fatto che i sensitivi, anche i grandi, non sempre hanno percezioni esatte e quando falliscono sembrano dare ragione a chi li accusa di essere imbroglioni o indovini per caso. Tuttavia spesso si tende ...