L’arte di educare con gioia

Esiste una pedagogia alla gioia, nata per guidare i bambini di adesso, sostenerli nello sviluppo dei loro talenti innati e nel pieno rispetto dei loro tempi. Si chiama Metodo Gioìa (si legge con l’accento sulla seconda i), proviene dalla parola omonima gioia, cioè dall’emozione pura e profonda del cuore, dove c’è uno spazio sacro, che secondo studi recenti ha più neuroni del cervello.

20150609_113614 petit
Alessandra Gioia Morri (1a a sin.) con i bambini nel suo atelier.

Immaginate ora di educare e vivere le relazioni con i vostri figli secondo l’intelligenza del cuore, il quale emana campi elettromagnetici molto ampi, che permeano ogni nostra cellula, recepibile soprattutto da chi si trova nel loro raggio di comunicazione.
Il metodo Gioìa fa parte di un percorso e stile di vita, nato dall’esigenza di guidare dapprima mia figlia, poi tutti i bambini con cui interagivo. Fonda le sue radici nell’educare le nuove generazioni attraverso i principi della fisica quantistica e utilizza l’arte intuitiva come mezzo di espressione, integrandolo con specifici esercizi (E.R.a.G. – Esercizi di Risveglio alla Gioia) avviene lo sviluppo di entrambi gli emisferi, il destro (parte creativa, immaginativa, fantasiosa) e quello sinistro (legato alla logica, razionalità, linearità…), che divengono altamente attivi e in equilibrio, con effetti positivi anche dal punto di vista psicologico, sociale ed emozionale.

Perchè questo metodo?
imageIl cambiamento epocale che stiamo vivendo impone urgentemente una nuova pedagogia, un nuovo modo di fare educazione, attraverso un approccio olistico dei bambini e che permetta di crescerli felici e in armonia con la loro natura.
I bimbi di adesso, sono completamente diversi dalle vecchie generazioni; sono molto attivi, hanno un’intelligenza superiore alla media, ma soprattutto sono spiritualmente più consapevoli. E’ necessario attivarsi per cambiare il paradigma educativo attuale, proponendo non solo un’educazione emozionale, ambientale, ma accompagnare i bambini nel pieno riconoscimento del loro essere energetico, come unici co-creatori di un nuovo mondo. Questi bambini sono nati per ricordare all’Umanità le leggi di moralità, di bellezza, di giustizia e di verità oggi dimenticate dalla maggior parte degli esseri umani.

Una nuova formazione
20150615_100150Per guidare le nuove generazioni, occorrono adulti consapevoli di lavorare secondo l’intelligenza del cuore, che amano mettersi continuamente in discussione, con una grande capacità di resilienza. Adulti che si conoscono e amano il proprio bambino interiore, che praticano la neutralità emozionale, evitando di riflettere i problemi e i conflitti personali sui bambini.
Il fondamento primario del metodo Gioìa è il rispetto per l’anima del bambino. Crescere e apprendere dovrebbero essere percorsi sereni e appaganti, non una corsa ad ostacoli come avviene attualmente nelle strutture statali. Emozioni, ascolto, accoglienza, condivisione, rispetto dei tempi del bambino sono tutti aspetti carenti nella scuola attuale, flagellata dai tagli e sempre più spesso in crisi di identità.
Grazie a due guide che hanno da poco terminato il percorso di fomazione Metodo Gioìa, arriva a Torino una nuova realtà educativa, la scuola Gioìa (che verrà presentata il 24 e 25 ottobre), trasformandola, già dal termine stesso che appartiene alla vecchia era e donandogli un’energia rinnovata, un significato molto più profondo e vero, in cui l’obiettivo primario è quello di far emergere la parte più profonda e naturale dei bambini. Attraverso il pensiero positivo e stimolando le loro risorse individuali si vive in un ambiente speciale ricco d’Amore, di Calma, di Cooperazione, di Gioia, di Creatività, dove la Pace, il Rispetto e la Tolleranza convivono serenamente. Uno degli obiettivi primari è quello di aiutare i bambini a ricordare meglio chi sono e da dove vengono.

La scuola Gioìa
La scuola Gioìa è il luogo dove ad ogni bimbo è concessa l’opportunità di sperimentare il suo vero Sè, grazie all’amorevole e costante ascolto da parte delle educatrici-guide (reso possibile sia dal rapporto adulti/bambini di 1 a 5, sia dalla specifica formazione degli ultimi anni).
DSC05546La didattica è ludica, esperienziale, con lezioni a contatto con la natura, l’educazione è emozionale, il ruolo dei bambini è attivo, sostenendo lo sviluppo del loro senso critico. Ma ciò che differenzia Gioìa dalle altre scuole alternative è soprattutto quello di crescere i bambini attraverso un’educazione spirituale, che gli permetta di manifestare il proprio ”autentico potere interiore”. L’organizzazione degli ambienti, l’alimentazione, gli atelier, la scelta degli arredi e dei materiali, ogni singolo dettaglio, insomma, è finalizzato a nutrire il corpo, la mente e lo spirito con sane vibrazioni e col principio etico di rispetto della terra e del prossimo, in quanto siamo parte del Creato.
Una particolare attenzione, è data dalla sinergia genitori-educatrici-bambini, indispensabile per unire gli intenti nella medesima direzione. DSC06422Questo non avviene con semplici riunioni informative ma con il contributo vero e proprio del genitore nell’arricchimento del programma didattico (solo se l’esigenza deriva dall’ascolto delle reali necessità del bambino e NON per soddisfare l’ego dell’adulto), mediante la realizzazione di laboratori e attività rivolti proprio ai genitori, affinchè essi stessi possano beneficiare degli strumenti di Gioìa, utili per comprendere al meglio i bisogni dei propri figli. La nuova scuola Gioìa è un luogo di condivisione, quindi di talenti, di idee e di infinite risorse, per gettare delle solide fondamenta nella casa che ci accoglie amorevolmente, cioè Madre Terra, affinchè tutti insieme possiamo creare il Mondo Nuovo che tanto desideriamo.

Per saperne di più
siti web:  http://www.gioia4kids.it e http://www.lofficinadegliangeli.jimdo.com

Alessandra Gioia Morri
Nata a Rimini. Dopo un soggiorno negli USA, approfondisce discipline come Sciamanesimo, Meta-medicina, Theta Healing, Biodanza. Dopo il suo libro “Gioìa e i bambini della Nuova Era” (distribuito da Macrolibrarsi), nel 2010 crea il 1° centro olistico per bambini e genitori dove, applicando il suo “metodo Gioìa”, guida i bambini ad essere se stessi grazie a laboratori di creatività a contatto la Natura, al movimento consapevole e a un’educazione fondata sul rispetto per la loro Anima. Scrivere per varie riviste. E' anche artista, restauratrice e designer, crea gioielli, oggetti e complementi per la casa con il marchio Isajoy©.