La complessità della salute

Quali meccanismi determinano il nostro benessere

La complessità della salute

Ecco i più importanti fattori da cui dipende la salute: l’ereditarietà, all’interno delle nuove conoscenze sul DNA, l’ambiente quale dimensione energetica che costantemente metabolizziamo, gli stili di vita e l’alimentazione, i comportamenti ecologici in senso individuale e collettivo e la qualità della sanità nel contesto occidentale

Qualche giorno fa stavo riflettendo sulla salute ai giorni nostri e la confrontavo con le citazioni di antiche medicine tradizionali: la cosa sorprendente è che la visione di queste ultime era esattamente aderente alle valutazioni che possiamo fare oggi sulla salute anzi, a onor del vero, un po' più profonda. Per questo vorrei definire meglio una visione totale di ciò che è salute oggi.

I tre livelli della salute
Nel XXI secolo la salute è vista come l'equilibrio e l'integrazione dinamica di tre dimensioni fondamentali: quella psichica, quella fisica e quella sociale, ovviamente compresi nella dimensione soggettiva dell'individuo; healthy-happy-openerdirei che anche se la definizione è semplicistica, in realtà le dinamiche dei fattori che incidono su questi tre livelli sono enormemente complesse.
Infatti se un vissuto di equilibrio nelle tre dimensioni genera una condizione di benessere  persistente, una sana longevità, mentre nella misura in cui questo equilibrio è alterato si strutturano inizialmente dei processi disfunzionali e ulteriormente patologici che generano malattie e nel tempo disabilità. In questa visione diviene prioritaria una visione bioenergetica, nel senso che molti aspetti, energeticamente decodificabili, incidono profondamente su questo delicato equilibrio dinamico; il nostro corpo è un sistema adattativo complesso in grado di metabolizzare una quantità notevole di informazioni.

Il fattore ereditario
Quali fattori incidono sull'equilibrio dinamico?
Il primo, che ha una notevole valenza, è quello ereditario. La dimensione ereditaria sta assumendo sempre più importanza alla luce delle nuove ricerche in ambito genetico, poiché si stanno superando i limiti e le visioni della biologia molecolare; DNAper cui il DNA non è più considerato una semplice rigida sequenza di geni la cui espressione determina la morfologia e le funzioni della nostra fisiologia, ed i cui difetti possono generare diverse patologie, ma questa espressione in senso strutturale e funzionale è determinata anche dai campi morfogenetici che all'interno di una struttura flessibile, per l'appunto il DNA, veicolano non solo i fattori responsabili della morfologia dell'individuo, ma anche la sua struttura temperamentale che condizionerà insieme ad alcune memorie genetiche il flusso esistenziale individuale.
Inoltre i campi morfogenetici veicolano molte altre determinanti che sono correlate alla dimensione genetica, quindi storica e psichica, della madre, del padre e delle rispettive linee generazionali. Sono queste determinanti personali e familiari che influiscono sul futuro progetto esistenziale della persona, all'interno di una dimensione collettiva a cui l'individuo appartiene. Si comprende quindi bene quanto la dimensione genetica sia influente sulla determinazione del livello della salute compresa nella sua complessità.

L'importanza dell'ambiente
L'ambiente, inteso nei suoi diversi livelli energetici, ha sempre assunto un ruolo fondamentale nella determinazione del nostro livello di salute; la conoscenza biomolecolare e fisico quantistica del DNA sta rivelando come i diversi livelli di energia che metabolizziamo costantemente influenzino e condizionino in senso epigenetico una risposta plastica del DNA e di conseguenza il nostro livello di salute.
montagnaLa risposta è sempre peculiare ed individualizzata se consideriamo la nostra complessità psicofisiologica come un sistema aperto in continuo scambio con l'ambiente esterno. Ognuno di noi ha una peculiare struttura morfologica e temperamentale che risponde in modo diverso alle diverse stimolazioni ambientali. O meglio, la nostra interazione con l'esterno, se idonea alla nostra struttura, genera salute; nel caso invece di un’alterata interazione i cui fattori sono molteplici, otteniamo disfunzionalità e patologia.
Ma quali sono questi diversi livelli energetici ambientali con cui siamo in costante interazione dinamica?
Li citerò qui senza addentrarmi profondamente in ognuno di essi, ma sottolineerò quegli aspetti che hanno certamente influenza sulla qualità della nostra salute, lasciando che possano essere stimoli di approfondimento per il lettore. Innanzi tutto la peculiare interazione materno fetale, quindi la dimensione biologica ed anche il rapporto madre bambino che sottolinea invece la dimensione psicologica.
05(1)Al di là della complessissima interazione materno fetale, che può essere descritta ampiamente dalla ostetricia e dalla ginecologia, assumono rilevanza l'alimentazione ed il comportamento della madre, nonché il suo stato psichico, durante il periodo della gravidanza; tutti questi aspetti erano enfatizzati nella conoscenza delle medicine tradizionali, ma anche la correlazione del comportamento appropriato della madre alle diverse modificazioni stagionali.
Desidero ancora sottolineare la complessità degli eventi perinatali, quindi il periodo antecedente al travaglio del parto, il parto e la nascita, che influiscono sulla futura condizione di salute psicologica del nascituro. Gli eventi biografici e la dimensione socioculturale che caratterizzano la prima e la seconda infanzia, quali fattori incidenti sulla salute psicologica, assumono in questa nostra visione un’ulteriore importanza, ma in tal senso va comunque sottolineata la progettualità esistenziale già presente nella memoria profonda dell'individuo, in cui gli eventi ed il loro divenire rappresentano una prima creazione o eventi socioculturali primari che influiscono sul livello di salute psicologica e fisica dell'individuo.
La peculiare attualizzazione dei processi emotivi e cognitivi rappresentano quella dimensione energetica, quella creazione, che viene metabolizzata all'interno della complessità individuale.

E ancora: stile di vita, alimentazione e consapevolezza
Ma sulla nostra salute, sempre nella visione del declinarsi del nostro progetto esistenziale, incide in senso ampio lo stile di vita, l'alimentazione, la consapevolezza rispetto a questi fattori.
Ogni individuo ha una sua peculiare costituzione, ma limitandoci solo alla dimensione morfologica e temperamentale, la nostra struttura costituzionale, che è espressione della nostra natura più profonda, condiziona la nostra integrazione all'ambiente e quindi la nostra peculiare risposta a quest'ultimo.
GENOMA-DNAIn tal senso abbiamo una specifica risposta o integrazione con le variazioni stagionali e con il contesto ambientale-energetico in cui siamo immersi; anche lo stile alimentare che scelgo determina una risposta nella mia fisiologia che è condizionata dalla mia particolare costituzione psicofisica.
Quindi la conoscenza che ho di questi aspetti determina delle scelte nel mio stile di vita e nell'alimentazione, nella direzione del mantenimento di un equilibrio soddisfacente che consente in una visione più ampia di poter sperimentare livelli di coscienza sempre più evoluti.

La visione orientale e occidentale della salute
In sostanza la cura del mio equilibrio psicofisico nella visione occidentale è finalizzata al benessere di carattere edonistico, mentre in quella orientale, se curo e mantengo e non inquino la mia fisiologia con aspetti energetici distonici alla mia natura, questo mi consentirà di poter sperimentare livelli di coscienza sempre più sottili e di evolvere verso consapevolezze più ampie della mia dimensione esistenziale.
doctorsIndubbiamente lo stile di vita, l'alimentazione, il comportamento ecologico, individuale e delle collettività incide sulla qualità della salute personale e collettiva. Nelle antiche tradizioni di conoscenza, ma anche nelle culture ancestrali, viene sottolineata l'importanza della qualità delle cure mediche a cui sei sottoposto; anche questo fattore incide sulla complessità psicofisica dell'individuo al fine del mantenimento di un buon livello di salute.
Nell’antica tradizione cinese il medico veniva pagato se si occupava diligentemente della salute dei suoi pazienti; la manifestazione di una forma di patologia indicava l'azione non efficace del medico. Nella tradizione indiana viene sottolineato non solo il ruolo del medico, ma di una buona nursery, ChineseMedSilPrintdella qualità delle medicine e dell'adesione del paziente alle cure prescritte.
Nel nostro contesto occidentale la qualità delle cure mediche e dei presidi medici sta assumendo sempre di più rilevanza al fine del mantenimento della salute in termini preventivi e diagnostici. Purtroppo spesso assistiamo a contesti sanitari che non promuovono affatto la salute, ma al contrario peggiorano le condizioni di salute precaria degli individui, se non partecipano ulteriormente alla cronicizzazione delle patologie.
Quindi la qualità dei presidi medici nella loro accezione complessa, l'organizzazione della sanità nella sua complessità nazionale, incidono sulla salute collettiva e sono fondamentali al fine del mantenimento di un buon livello di salute.
Certamente molti e più complessi fattori che non sono qui citati incidono sulla qualità della salute, ma queste brevi note vogliono essere degli stimoli affinché si comprenda la responsabilità che ognuno di noi può avere nella determinazione della propria salute.