Salvare la Terra con l’agricoltura biodinamica

Si sono appena concluse alla Cascina Pirola (Zelata di Bereguardo) le giornate di studio “Nuove mete spirituali nel mondo che cambia”, foto-maniorganizzate dall’associazione per l’agricoltura biodinamica. “Occorre disinnescare la spirale disastrosa per cui conta soltanto il denaro, a scapito di tutto”, ha dichiarato Giulia Maria Crespi, Presidente del FAI ed esperta di agricoltura biodinamica. E per combattere la crisi economica e quella dei valori occorre ripartire dall’agricoltura biodinamica, per ripristinare il ciclo naturale delle cose.
A questa iniziativa seguirà dal 20 al 22 febbraio prossimo un altro appuntamento importante, il XXXIII convegno internazionale di agricoltura biodinamica, organizzato in collaborazione con l’università Bocconi e con il patrocinio del FAI. Titolo: “Oltre l’Expo: “Alleanze per nutrire il pianeta. Sì, è possibile”.

giulia.maria.mozzoni.crespi.foto
Giulia Maria Crespi, presidente del FAI.

Il convegno “si rivolge al mondo accademico, economico, rurale, alla società civile e soprattutto ai giovani”, recita il volantino “nella convinzione che il futuro del Paese vada cercato nel rilancio di quei settori che l’hanno resa unica e speciale agli occhi del mondo: agricoltura, alimentazione, paesaggio, ambiente, turismo e artigianato. Ampio risalto sarà dato alle ricadute occupazionali ed economiche”.

Per saperne di più:
www.agricolturabiodinamica.it

Manuela Pompas
Giornalista, scrittrice, ipnologa, è considerata un'importante divulgatrice nel campo della medicina olistica, la ricerca psichica, la psicoterapia transpersonale. Ha scritto numerosi libri su questi argomenti e la sua ricerca cardine riguarda la reincarnazione attraverso l'ipnosi regressiva. Spesso ospite nei convegni come relatrice sulle tematiche che riguardano la sopravvivenza, è stata spesso in radio e in Tv e ha condotto anche trasmissioni in una Tv privata.