L’apparecchio che legge l’anima

LA MEDICINA ENERGETICA

L’apparecchio che legge l’anima

Lo SCIO, uno straordinario strumento elettronico inventato da un ricercatore della Nasa, non solo è in grado di leggere il nostro stato di salute e le problematiche psichiche e spirituali del presente e del passato, ma anche di "correggere" sul piano energetico la nostra energia sottile, al fine di ripristinare l'equilibrio e lo stato di benessere

Oggi, dopo anni di esistenza ai margini della medicina accademica, stiamo assistendo a una vera esplosione degli approcci energetici alla salute. Grazie al lavoro di scienziati che sono stati veri pionieri nel campo della medicina energetica (come Lakhovsky negli Anni 20 e, più recentemente, Albert Szent-Gyorgyi o Herbert Froelich, solo per citarne alcuni), è sempre più accettata l’ipotesi che i campi elettrici e magnetici, come la luce e il suono e le vibrazioni elettromagnetiche, abbiano un influsso sulle cellule e possano essere utilizzati per stimolare i processi di guarigione in diversi tessuti.
FOTOmedicina-energetica-libroIl percorso di ricerca su questi temi è molto bene illustrato nel bellissimo libro di James Oschman, “Medicina energetica” (MacroEdizioni).
Da questo testo si evince come buona parte di queste ricerche abbiano preso il via dall’osservazione che la fisiologia tradizionale non si sia dimostrata in grado di spiegare tutte le reazioni del corpo. Quando pensiamo ai sistemi di comunicazione all’interno del corpo umano, pensiamo prima di tutto al sistema nervoso, poi al sistema circolatorio, che fornisce i messaggi ormonali alle cellule, al sistema linfatico e a quello immunitario, tutti di importanza vitale per l’organismo. Ma i tempi di trasmissione delle informazioni attraverso queste vie di comunicazione ampiamente studiate non giustificano alcune semplici esperienze che tutti noi possiamo fare quotidianamente, come, per esempio, quella di chiudere l’occhio una frazione di secondo prima che una mosca ci colpisca la cornea. I nervi conducono gli impulsi con una certa rapidità, ma a ogni sinapsi c’è un ritardo che non è compatibile con la velocità delle risposte “riflesso”, grazie alle quali possiamo proteggerci prima che ci sia una consapevole coscienza dello stimolo.
Gli studi scientifici in questo campo hanno portato alla scoperta dell’esistenza di un altro sistema più complesso e più vasto del sistema nervoso: il tessuto connettivo o matrice vivente, che connette fra loro tutte le cellule e conduce energia e comunicazione in tutto l’organismo. La matrice vivente, fatta di collagene e acqua – i principali costituenti del corpo umano – conduce vibrazioni elettriche, magnetiche, luminose che viaggiano a una velocità superiore a quella dei segnali biochimici che conosciamo.
La visione tradizionale della medicina per specializzazioni ci ha portato a percepire il nostro corpo quasi come una macchina vivente formata da parti meccaniche tenute insieme da nervi, fili e fibre. La fisica quantistica ci dà invece un’immagine in cui la biologia diventa tutt’uno con la fisica, in cui la distinzione fra materia ed energia diventa labile e il corpo appare un sistema continuo e interconnesso di comunicazione elettronica e protonica: la ricerca scientifica più recente ha dimostrato che esistono forme di energia e informazione (flussi di bio-molecole caricate in milionesimi di ampère e caratterizzate da un preciso codice di riconoscimento) che viaggiano con estrema rapidità all’interno della matrice vivente. La visione olistica alla base delle discipline tradizionali, spiegata dalla scienza!
chakra_wallpaper_by_spiral_0ut-d4oy7x1Le implicazioni di questo salto di visione sono enormi: in questa prospettiva ogni cellula, ogni tessuto, ogni organo, ogni enzima, ormone, neurotrasmettitore nel corpo vibra a una specifica frequenza, la salute e il benessere diventano il risultato di oscillazioni elettromagnetiche ordinate e la malattia e l’invecchiamento le conseguenze di perdita progressiva di informazione.
Il prof. Piergiorgio Spaggiari, fisico e medico chirurgo, autore insieme a Caterina Tribbia, del testo Medicina Quantistica (Tecniche Nuove), è oggi in Italia il più noto esperto su queste tematiche. In un’intervista rilasciata a Claudia Bortolato pubblicata dalla rivista scientifica Forma nel 2005, spiega che il benessere "è una questione di oscillazioni elettromagnetiche “ordinate”. L'organismo si mantiene in equilibrio dinamico grazie ai messaggi che le cellule si scambiano costantemente tra loro sotto forma di segnali elettromagnetici estremamente deboli, a frequenza definita". Continua il prof. Spaggiari: "Attraverso speciali strumenti diagnostici e terapeutici, si possono produrre variazioni quantiche di energia così sensibili da interagire con le “energie sottili” del corpo, al fine di ripristinare l'equilibrio e lo stato di benessere". Pur precisando che questi strumenti non possono sostituirsi in alcun modo a test e cure farmacologiche, né in fase diagnostica né terapeutica, soprattutto in caso di malattie di una certa entità, con gli strumenti di medicina quantistica più avanzati è possibile rilevare i livelli di energia degli organi e lo stato di salute complessiva dell'organismo e, contemporaneamente, correggere eventuali anomalie energetiche riscontrate per impedire così, per quanto possibile, che la malattia possa successivamente manifestarsi a livello fisico-chimico.

P1040702

Una videata dello SCIO (Scientific Counsciousness Interface Operations System).

In questo ambito sono state progettate apparecchiature sempre più complesse con l’obiettivo di arrivare a dialogare con il corpo a livello di frequenze. Alcune sono più note di altre, come il Vega o l’elettroagopuntura secondo Voll, che misurano la risposta elettrica del corpo.
Una tra le più avanzate lo SCIO (Scientific Consciousness Interface Operations System), un dispositivo elettronico progettato e realizzato nei primi anni ’80 dal Dott. William Nelson, matematico e fisico alla NASA che ha contribuito a riportare a terra l’Apollo 13, e che ha dedicato trent'anni di ricerca all’integrazione delle conoscenze della medicina occidentale ed orientale con le più avanzate scoperte in tema di fisica quantistica.
Si tratta di un sistema elettrodiagnostico-terapeutico computerizzato in grado di fornire in un solo esame indicazioni preziose per comprendere la storia dell’ organismo umano per dare una prima valutazione pre-diagnostica.
Studiato per coadiuvare il lavoro di medici e di specialisti, applica le più recenti scoperte nel campo dell’informazione biologica e della medicina energetica: utilizzando un sistema accelerato di comunicazione trivettoriale computerizzata in biofeedback, riesce a dialogare in continuità con l’organismo umano sfruttando la sua eccezionale velocità di interazione (1/10.000 di sec). In questo modo riesce a registrare ogni stimolo o reazione del sistema biologico (che opera con tempi da 1/100).
Con l’invio e la registrazione accelerata dell’informazione biofisica di più di 9000 sostanze differenti, il sistema – in soli tre minuti – è in grado di tracciare una prima mappa di reattività dell’organismo, di estrapolare i valori anomali e di correlarli al sistema o all’organo di competenza.

M;arina Cadenoni e Valentina Caponio

Valentina Caponio (a sin.) e Marina Cadenoni studiano un'applicazione SCIO.

Il suo utilizzo non presenta alcuna controindicazione e nel tempo si è dimostrato uno strumento importante nel coadiuvare il medico e il terapeuta nella analisi di quadri come l’intolleranza alimentare, la carenza di vitamine, la presenza di livelli ormonali ed enzimatici anomali, intossicazioni di origine alimentare o da metalli pesanti, l’analisi di virus, funghi e parassiti. Non solo è in grado di evidenziare la presenza di sostanze tossiche o di infestazione di funghi ( come per esempio i vari tipi di candida), ma ha la possibilità di contrastarli inviando all’organismo le frequenze contrarie.
Tutto questo solo per restare a livello fisico; con lo SCIO è però possibile spingersi oltre. Infatti, come gli organi del corpo hanno specifiche frequenze, così anche le emozioni, i chakra, i traumi fisici e psichici sono leggibili nel codice delle frequenze e trattabili: la matrice vivente registra, infatti, la memoria dei traumi e dei successivi adattamenti e quando un’emozione, una memoria o uno stress prolungato genera malessere e limita le potenzialità individuali, è all’interno della matrice vivente che il problema e la soluzione possono essere trovati. Qualsiasi approccio terapeutico che si focalizza solo su un aspetto o su un organo del corpo (che diventa in quel momento l’organo bersaglio di un’intossicazione o di uno squilibrio energetico più generale o più profondo) rischia di ottenere risultati parziali o una provvisoria eliminazione del sintomo, perché non coinvolge l’organismo nella sua interezza.