La musica dei Flame Dreams

Alla riscoperta di un originale gruppo rock svizzero anni '70

Flame Dream1600

Musiche contraddistinte da grandi atmosfere, una matrice sinfonca e una notevole capacità tecnica.

I Flame Dream sono un gruppo svizzero formatosi a Lucerna nel 1977.
Cinque elementi con la classica formazione basso, batteria, chitarre e tastiere, dove il tastierista Roland Ruckstuhl, di chiara impostazione classica, emerge, non solo per la sua notevole capacità tecnica, ma anche nel creare atmosfere che vanno a caratterizzare la matrice sinfonica degli album che sono stati prodotti.
Senza, per altro, dimenticare i fiati magistralmente suonati da Peter Wolf (flauto e sassofoni) che talora orientano il suono verso confini più jazzati.

Sicuramente ci sono riferimenti a gruppi inglesi, Genesis in primis, ma con un tocco particolare che ne caratterizza l’immagine. Hanno prodotto 6 dischi tra il 1978 ed il 1986. Tralasciamo gli ultimi due lavori di cui si può sicuramente fare a meno.

La musica dei Flame DreamsLa musica dei Flame DreamsIl primo disco (Calatea) è del 1978. Emergono subito le qualità della band che mette in luce i toni epici e romantici, anche se, a volte, si manifestano certe inquietudini.

Nel 1979 esce Elements, senza dubbio il loro capolavoro. 4 lunghi brani, ben articolati e suonati con una scelta sonora personale, accompagnati da una tecnica ineccepibile. Si alternano parti più soffuse a momenti più grintosi dove le tastiere sono preponderanti, ma mai in maniera invadente e noiosa.

La musica ti entra dentro e va a solleticare le nostre parti più profonde facendo emergere emozioni che ci possono sembrare sconosciute.

La musica dei Flame DreamsNel 1981 è la volta di Out in the dark. Disco ancora su altissimi livelli sia tecnici che compositivi. La seconda facciata è occupata da una suite eccellente che mette ulteriormente in risalto le capacità della band.
Nel 1982 esce Supervision. Buon album con brani ben suonati, ma già orientati verso la forma canzone.

Complessivamente i primi tre dischi sono da avere ed ascoltare. Anche se usciti nei tardi anni ’70, dimostrano come si potesse creare musica di qualità in un paese come la Svizzera sicuramente non prolifico da un punto di vista musicale.

I dischi non sono mai stati ristampati in CD od in vinile, ma si riescono a trovare gli originali con qualche difficoltà. Andate su YouTube ad ascoltarli e poi decidete….

Medico chirurgo, odontoiatra, collezionista ed appassionato di musica dagli anni '70 in avanti. Ha sempre considerato la musica quella forma di arte che più si avvicina al nostro Sé più profondo, dove chi compone è solo un tramite che canalizza vibrazioni superiori per metterle a disposizione di tutti e dove ognuno, in base alla sua sensibilità e conoscenza, ne diventa il Compositore.