Buone Feste a tutti

alberoNatale 600x300 scaled cropp 1

Il magazine di questo mese, con alcuni articoli portanti, e i convegni più interessanti dell’ultimo trimestre.

E così siamo arrivati ancora alla fine di un altro anno.
In Italia abbiamo superato il Covid (che c’è ancora, ma chissà perché – per ora – non si parla più di vaccini), ci sono tanti malati di Coronavirus, ma non se ne parla. A livello sociale-politico abbiamo tanti problemi, la vita è più cara, molte famiglie fanno fatica a tirare fine mese, la scuola è decaduta, con il rischio di tanti semi-analfabeti. Ci sono nuove ondate di antisemitismo, in cui i più fanno confusione tra ebrei (persone) e sionisti (politici, che non perseguono certo un ideale di libertà e di rispetto). E poi tante, troppe donne uccise da chi tempo fa diceva di amarle.

Sul Natale e sulla violenza sulle donne
Mercatini di Natale a Bressanone 23Ma non pensiamoci, no, adesso è Natale. A Milano, come penso in tutta Italia, le persone affollano strade, negozi, grandi magazzini per i regali, gli addobbi, le cene… Questa è diventata da tempo una festa pagana, dove festeggiare sì, in famiglia, ma con regali e tavole imbandite: il Natale si è svuotato dal suo significato originale, la nascita del Sole, della Luce, della Spiritualità, che per i cristiani – e non solo – coincide con la nascita del Salvatore.
Ho deciso di pubblicare due articoli diversi tra loro sulle Feste di Natale, entrambi interessanti, uno in chiave storica e uno in chiave psicologica.

Screenshot TGR Veneto RaiNews Giulia Cecchettin
Giulia Cecchettin (Screenshot TGR Veneto – RaiNews)

E poi, con altri due articoli, sullo stesso tema, ma di taglio diverso, ho dato risalto al problema dei femminicidi, che sembrano essere diventati una consuetudine. Forse, speriamo, il drammatico caso di Giulia Cecchettin (che non è stato nemmeno l’ultimo) potrebbe aver fatto da spartiacque nell’attenzione e nella sensibilità comune, perché “non accada mai più”.

Leggeteli, sono problemi che riguardano tutti. Statisticamente tutte le donne sono state offese, manipolate, abusate, almeno una volta nella vita. E nei casi di omicidio, la frase di rito spesso è: «O mia o di nessun altro», dove la donna, oggetto come una bella macchina o una moto, una volta che perde la sua funzione viene buttata vita.
Come Monica Faggiani ha sottolineato nell’intervista che le ho fatto, occorre scardinare alla base la cultura dello stupro e insegnare ai bambini, fin da piccoli (lei dice addirittura dopo i 3 anni) il senso del rispetto.

Tanti convegni sulla vita dopo la vita

In questi ultimi mesi si sono tenuti in tutta Italia numerosi interessanti convegni sulla spiritualità e la vita dopo la vita, a cui ho avuto il piacere di partecipare.
Quasi tutti hanno più o meno uno schema fisso: tanti ospiti come relatori (medici, psicologi, ricercatori, esperti) e poi qualche medium che canalizza dal palco. Il pubblico è sempre più vasto e sempre più informato, forse anche più esigente, anche se molti vengono sperando in un contatto con l’aldilà, per placare il dolore di lutto.

Ketty Bellon
Ketty Bellon, presidente AIRMS.
umberto di grazia e1473005255507
Umberto di Grazia.

Il 16 Settembre si è tenuto al Museo Mitreo di Roma il 1° Convegno Nazionale AIRMS, con (tra gli altri) Umberto di Grazia (in stato di… grazia), il bravissimo Enrico Ruggini e Giampaola Caprilli.

L’invito ricvolto al pubblico è stato quello di “superare la propria trasformazione e diventare Maestro di se stessi, cambiando la propria vita, in un processo di trasformazione che ci permetterà di liberarci dai nostri limiti”.

Il 3 novembre “Cielo e terra si incontrano”, un convegno organizzato a Miramare (Rimini) da Mariangela Torti, con molti interventi sul mondo dell’Oltre, gli Angeli, i viaggi astrali, la medianità. Tra i medium, una sopresa, Nicoletta Aprile, che si aiuta a inquadrare le persone con i colori, e Antonio Fois per la metafonia, la registrazione delle voci dell’aldilà (a volte sorprendenti).

Una palma al merito
Ma la palma al merito questa volta va data – con buona pace dei detrattori, delle invidie e delle beghe dietre le quinte (ma chi se frega, ciò che conta sono i risultati, non le nostre piccole fragilità) – a due personaggi d’eccezione.

Marco presenta27 ottobre, Bellaria. Marco Cesati Cassin ha creato – con l’organizzazione del fratello gemello Enrico, che ha offerto i supporti tecnici – un grande evento -spettacolo, unico nel suo genere in Italia, Vite precedenti: il viaggio dell’anima. Sul palco, un grande schermo con il suggestivo sfondo della via Lattea, su cui venivano proiettati gli interventi degli ospiti, che si sono esibiti in varie performances, su tutte le tematiche possibili in questo settore.
Tra l’altro, Marco ha avuto sul palco un bellissimo dialogo con il figlio Leo, 7 anni, che – molto disinvolto – ha impersonato l’a sua anima che, ancora nell’aldilà, aveva scelto di nascere nella sua famiglia.

Tanti ospiti coinvolgenti, tra cui Thomas Torelli e Nicola Missiani. E la vostra Manuela Pompas, che ha scoperto bontà sua il Power Point e ha raccontato le sue vite precedenti con storie, foto e musiche, ha avuto l’unica standing ovation de convegno (certo adesso il mio ego saràpiù grande, ma è stata una grande emozione).

 

Marco con Leo
Marco con il figlio Leo
Nicola Missiani
Nicola Missiani
MANU
Manuela Pompas

 

 

 

 

 

 


10 Novembre, Cesenatico.
Poi c’è stato il bellissimo convegno di Barbara Amadori, che è stata spesso dietro le quinte lasciando spazio ai suoi ospiti e dove, solo alla fine, ha fatto delle canalizzazioni con il pubblico, anche bendata.
Tra i relatori tanti amici, Giampaola Caprilli, Bernard Rouch, il medium brasiliano Florencio Anton (fondatore del Grupo Espírita Scheilla, costituito nel 1999 a Salvador de Bahía), che in trance canalizza pittori (soprattutto impressionisti), riproducendo in pochi minuti a occhi chiusi i loro quadri a olio.

Inoltre, molto simpatico anche se riservato, lo shamano Navajo, cui Barbara (che va spesso in America ospite della riserva dei nativi) ha regalato un enorme acchiappasogni, festeggiando con una torta il suo compleanno.
BARBARA CN LACCHIAPPASOGNI rotatedNavajo e lacchiappasogni rotatedFlorencio

 

 

 

 

 

 


Buone Feste a tutti

Vi auguro, Buon Natale, Buon Anno, buona vita. Affinché sappiate lasciare alle spalle il passato, far diventare esperienza di crescita anche gli errori e trovare dentro di voi la forza di affrontare ogni prova per maturare e crescere.
Imparate ad attivare il chakra del cuore, percependo la gratitudine per tutto ciò che la vita vi offre, compresi i dolori che servono a forgiarci, e soprattutto a guardare chi vi sta di fronte mai come un rivale, un nemico, ma come lo specchio di una parte di voi.
Se sarete capaci di amare gli altri, di diffondere la luce che è dentro di voi, contribuirete a migliorare il mondo,

Giornalista, scrittrice, ipnologa, è considerata un'importante divulgatrice nel campo della medicina olistica, la ricerca psichica, la psicoterapia transpersonale. Ha scritto numerosi libri su questi argomenti e la sua ricerca cardine riguarda la reincarnazione attraverso l'ipnosi regressiva. Spesso ospite nei convegni come relatrice sulle tematiche che riguardano la sopravvivenza, è stata spesso in radio e in Tv e ha condotto anche trasmissioni in una Tv privata. Mailto: manuela.pompas@gmail.com