Cara Annalisa, ti scrivo…

Una medium risponde alle vostre richieste

Foto di sasint da Pibabay

Due accorate richieste di aiuto spirituale per la perdita improvvisa della mamma.

Cara Annalisa, ti scrivo...Siamo in prossimità delle feste natalizie e il clima festoso invita tutti a trovare motivi di luminosità per il proprio albero “interiore”, anche quando tali motivi tardano ad arrivare oppure sono difficili da trovare proprio in questo mese!

Tuttavia, cari amici, il segreto della rinascita alberga proprio lì, in un passo di “accensione di lucine”. Ricordo anni fa le parole di un figlio che vive nel mondo dello Spirito, durante una canalizzazione, rivolte alla sua mamma in lutto che, dopo la sua dipartita, non aveva più festeggiato il Natale in nessun modo, addobbi compresi: “Mamma, festeggi tu-festeggio io”. Un passo piccolo e coraggioso permette una rinascita grande e vittoriosa.
Allora buon Natale, cari amici, fatto di piccoli coraggiosi e vittoriosi passi di rinascita.


Ho perso la mia mamma: mi manca da morire

Cara Annalisa, ti scrivo...Salve Annalisa. 6 anni fa ho perso la mia dolcissima mamma in maniera brusca e mi piacerebbe poterla sentire ancora, sapere come sta, dirle che le voglio un bene dell’anima e che mi manca da morire. Si chiama Regina. Grazie se mi potrà rispondere. Un abbraccio

Cara Irene,
grazie per la tua richiesta accorata. Sento in ogni singola tua parola il tuo cuore, le tue mani rivolte al Cielo, alla tua “dolcissima” mamma Regina. Questa è la mia prima sensazione e se sono riuscita io a sentirti, sicuramente anche la tua mamma avvertirà ogni tuo gemito, respiro e pensiero rivolto a lei. Le parole che hai scritto lei le ha già lette! Sii certa di questo, per favore. L’andare via bruscamente, per qualsiasi motivo, fosse anche per un arresto cardiaco, o un cadere a causa di esso, è sempre un modo tragico di accogliere questo evento della vita. Da parte di entrambe! Non solo da chi resta qui, attonito e allibito, ma anche da parte di chi “parte”! Sai Irene, devo darti una notizia: tua madre sta bene! Lo so che potrebbe risuonare come una frase fatta senza senso. Ma come medium sento di dirtelo: Tua madre sta bene! E vorrebbe infinitamente che a stare bene fossi tu! Si, tu! Cerca di prendere pace (sento in chiaroudienza!). Cerca di prendere pace, Irene, accogli, ti prego, l’invito profondissimo della tua mamma: Cerca….di prendere pace! E sento che non è rivolto solo alla sua dipartita, ma anche per tutto il resto della tua vita, Irene. Spero che le mie parole, che sento piantate nel petto, possano raggiungere il tuo. A presto.

Un accoratissimo invito dal Mondo dello Spirito

Cara Annalisa, ti scrivo...
.

Cara Annalisa, ti scrivo per avere un aiuto.

Ho perso mia madre 2 anni fa. L’ho trovata morta la mattina, è deceduta nel sonno, sarà pure la morte migliore, ma io soffro tantissimo.
In questi due anni mi sono rovinata emotivamente, ho vissuto sempre con lei, ora mi ritrovo da sola con tanti pensieri con tanta pesantezza nel cuore.
Volevo chiederti se possibile sapere come sta e se mi vede.
Patrizia

Cara figlia, hai ragione: non è consolante il pensiero della “santa morte improvvisa”. Ti comprendo. Mio padre è mancato così… ed è difficile farsene una ragione. Il vuoto che senti, vuoto di spazio in casa, vuoto di spazio emotivo, vuoto di spazio mentale, è dovuto al rapporto intenso che tu, per tutta la vita, hai condiviso con lei.
La tua estrema tristezza tuttavia non giova né a te, né a lei.
Che tu ci creda o no: morire non ti permetterà di raggiungerla. Non è la morte la soluzione, ma la vita. Ti prego di credermi: non solo lei ti vede ma ti sente forte e chiaro. Sente tutto di te: gioie e dolori, anche fisici. Ma l’eccesso è sempre un difetto. «Dille di dedicarsi a lei stessa, dille di prendersi cura di lei stessa, dille di nutrire meglio il suo corpo, dille di dormire meglio, dille di aprire la casa, dille di lavare le tende, dille di addobbare l’albero».
Sento un accoratissimo invito dal mondo dello Spirito per te! Da parte sua, con o senza il tuo permesso, lei accoratamente si rivolge a te affinché tu riprenda in mano la tua salute mentale, emotiva e fisica. «Accarezza il tuo stomaco», mi dice. Lei sta bene, ma tu come stai? Capisci che il suo pensiero è rivolto esclusivamente al tuo benessere generale? Non so che altre parole usare per tradurre il suo emozionato invito rivolto a te. Non pensare disperatamente alle giornate che passano. Non pensare che il Natale senza di lei non è Natale: è sempre Natale perché lei è sempre con te! E non intende assolutamente lasciarti sola. Spero con tutta l’anima che tu possa sentire queste parole da parte sua rivolte a te! Il suo profumo lo trovi nei suoi foulard.
A presto cara figlia e su col mento in alto! Mamma è in alto, non nel basso dei tuoi pensieri.

Si chiama la medium della gioia perché vuole trasmettere la gioia che chi è nell'aldilà prova nel mondo dello Spirito. A 24 anni, dopo aver sentito la voce della nonna, ha seguito un corso all’Arthur Findlay College con John Johnson, un medium che l'ha aiutata a tirar fuori le sue doti. Oggi, dopo oltre venti anni di intensa formazione personale, umana e spirituale, insegna nelle sue scuole come sviluppare le proprie capacità sensitive e medianiche con un taglio spiritualista.