Medicina: uno sguardo sul futuro

Un congresso sulla medicina quantistica applicata alla salute psicofisica

Foto d Geralt

di Ester Patricia Ceresa. Migliorare le condizioni di salute con le scoperte della scienza quantica.

Medicina, uno sguardo sul futuro
Ester Patricia Ceresa, Academy Master Trainer in Ipnosi e Coaching.

Si è concluso da poco il Congresso Quantico online che, dal 16 al 18 giugno, ha riunito diversi relatori sul tema della meccanica quantistica applicata alla “meccanica” della salute psicofisica.
Come possiamo nel corso della nostra vita contribuire al nostro benessere con le conoscenze di quello che accade in noi a livello subatomico?

Ho avuto il piacere di intervenire sul concetto di salute quantistica, sulla Metamedicina e sulle dinamiche universali di entropia e sintropia, per questo vi accompagno volentieri insieme al pubblico a scoprire quello che è accaduto.

Una scoperta rivoluzionaria
Per comprendere come funziona, ecco una piccola introduzione alla fisica quantistica. Il principio fondamentale è la scoperta choc del secolo scorso, ovvero che materia è energia. Sono la stessa cosa. Questo ha fatto da spartiacque nella storia della scienza fra un prima e un dopo, ha cambiato le cose per sempre: se la visione cartesiana e newtoniana separava la materia dalla mente – così come veniva chiamata l’energia al tempo, considerando propriamente materia solo gli elementi solidi e tangibili – dopo le ricerche di 27 scienziati (fra i quali ben 17 premi Nobel) che si riunirono a Bruxelles nel 1927 al famoso Convegno di Solvay e che andarono a sbirciare cosa succede nel mondo dell’invisibile, si è attuata una rivoluzione sul modello dell’Universo e delle sue leggi.

Medicina, uno sguardo sul futuroSe riportiamo tutto questo all’essere umano che – in quanto facente parte della natura risponde alle stesse leggi – significa che mente e corpo non solo sono strettamente collegati ma di fatto sono la stessa cosa al livello del più piccolo che più piccolo non si può, entrambi sono energia che si manifesta in due modi diversi, sia come corpo che come mente.

Per semplificare possiamo dire che l’energia può manifestarsi in una modalità “visibile” e quindi come qualcosa di tangibile (particelle) o in una modalità “invisibile” e quindi come vibrazione, frequenza (onde) e l’origine di tutte le cose è sempre la stessa sostanza. Materia e antimateria, vuoto e pieno, tutto e nulla hanno la stessa madre.

Cosa vuol dire avere un approccio quantico all’equilibrio psicofisico?
Significa che se il nostro corpo, ovvero la parte che si vede, è la manifestazione visibile correlata a quello che non si vede – ovvero pensieri, emozioni, relazioni, ambiente in cui si vive, aria che si respira – allora si apre la possibilità di prenderci cura di noi stessi essendo consapevoli della nostra co-responsabilità nel creare la realtà psicofisica e quindi del nostro benessere.

Sulla base di questi assunti, questo significa che la salute dell’individuo non può essere valutata considerando in modo separato la mente da una parte e il corpo dall’altra, come se fossero due sistemi completamente distinti, ma la persona va considerata come un’unica entità, entrando in tutti gli aspetti della sua vita e valutando nella sua totalità, dove mente e corpo sono un tutt’uno, strettamente connessi e interdipendenti.

Metamedicina, Entropia e Sintropia

Medicina, uno sguardo sul futuro
Claudia Rainville, autrice di un bel libro su “Metamedicina”.

La mia relazione verteva sulla Metamedicina, la quale ci mostra come i diversi malesseri possono avere una radice psico-emozionale e come si può approcciare ad essi partendo da questo assunto.

Inoltre, con gli altri relatori, abbiamo riflettuto sulle dinamiche universali di Entropia (Caos) e Sintropia (Ordine) e su come ogni sistema dal caos si organizza per un fine che è di fatto un nuovo ordine.

Allo stesso modo, sempre basandosi su questa semplice legge fisica anche il nostro corpo e la nostra mente, quindi, tendono naturalmente a riordinare le cose quando si scompigliano e mirano alla salute.

Le relazioni degli altri partecipanti: dall’Ipnosi al Misticismo
Vediamo insieme le relazioni degli altri partecipanti.

Marco ParetIl dott. Marco Paret, fondatore e direttore di numerosi istituti d’eccellenza nel campo del mesmerismo e della fascinazione, ha portato a conoscenza i vantaggi dell’Ipnosi Quantistica che si fonda  sull’espansione della coscienza dell’individuo, al raggiungimento di uno stato di benessere e di pace interiore, aiutandolo a liberarsi di blocchi e limiti che impediscono la sua crescita personale.

IsaiaElio Isaia, fondatore del progetto Rilassamento Profondo, Ipnotista esperto certificato e studioso di tecniche per il benessere e delle discipline olistiche bionaturali, ha parlato del possibile collegamento fra Misticismo e Quantistica, considerando i fenomeni mistici e tentando di spiegare le diverse manifestazioni testimoniate da chi ha avuto a che fare con il misticismo seguendo il filo del ragionamento quantistico.

BenvenutiIl dr. Mario Benvenuti, medico chiropratico di esperienza internazionale, ha spiegato in che modo applicare l’ipnosi quantica per il recupero della salute degli organi e dell’individuo riportando esempi pratici e aneddoti della sua esperienza medica, oltre a fornire riferimenti specifici relativi alla fisiologia dei pazienti trattati e agli esiti clinici.

FresiaBartolomeo Fresia, responsabile nazionale discipline bionaturali c/o Arianna Bitti, ha illustrato il funzionamento della SCIO, macchina quantistica che analizza il campo della persona rilevando le informazioni dal suo subconscio e fornendo una sorta di “biofeedback”, una scansione bioenergetica che permette una lettura sia in chiave fisiologica che psicologica dello stato di salute. Proprio durante l’intervento è stata fatta una dimostrazione pratica molto apprezzata dai partecipanti con un soggetto volontario che ha potuto confermare i dati forniti dalla macchina come risultato della scansione sul suo stato psicofisico.

Come considerazioni finali si potrebbe pensare che in un futuro forse neanche così prossimo come appare ora, la medicina potrebbe essere sempre meno chimica e avvicinarsi sempre più un modo di pensare, di provare emozioni e sensazioni, un modo d’essere e di vivere che ci assomigli veramente e che, per questo, ci fa stare bene.
Forse una società molto meno malata? Il viaggio alla scoperta di questi nuovi territori continua febbrile nella comunità scientifica e avremo di certo altre risposte.

Academy Master Trainer in Ipnosi e Coaching, si occupa di sviluppo del potenziale umano e QuantumNeuroTraining. Docente e relatore internazionale in Ipnosi, Psicologia Quantistica, Enneagramma, CNV e PNL3, ha elaborato la nuova Morfofisiognomica, una metodologia innovativa nel campo delle discipline sul Linguaggio del Corpo mirata al benessere psicofisico. Autrice del “Manuale di Morfofisiognomica - Corpo e volto rivelano i tratti del temperamento, del carattere e della personalità" (CISU ed.). Presidente di I.P.C.A (International Professional Coaching Association), organismo promotore di iniziative e congressi internazionali nel campo del Coaching e dell’Ipnosi.