Educare alla resilienza nelle scuole

Un progetto realizzato in 12 scuole con 1240 studenti, insegnanti e genitori

La Fondazione Patrizio Paoletti racconta in una lezione-spettacolo i risultati del progetto “Prefigurare il Futuro”.

Educare alla resilienza nelle scuole
Patrizio Paoletti..

L’11 maggio dalle 11.30 alle 13.00 all’interno della prestigiosa cornice del Teatro Vascello di Roma, la Fondazione Patrizio Paoletti presenta i risultati del progetto “Prefigurare il Futuro: metodi e tecniche per potenziare speranza e progettualità”, realizzato a beneficio di 1240 studenti, insegnanti e genitori di 12 scuole medie superiori di Lazio, Campania, Sardegna, Lombardia, Marche, Umbria, Puglia e Sicilia.

Patrizio Paoletti, presidente della Fondazione, e Tania Di Giuseppe, psicologa e responsabile del progetto, presentano i risultati della sesta edizione di Prefigurare il Futuro. Il loro racconto sarà arricchito dalle testimonianze degli studenti, dei genitori e degli insegnanti che hanno preso parte al percorso. Ma l’evento sarà impreziosito anche della lezione-spettacolo Resilienti: incontri con uomini e donne straordinari, ultimo appuntamento del percorso che verrà interpretato dall’attrice Laura Bartoletti e dalla musicista Marianne Gubri (arpa).

Il progetto: resilienza, speranza e prefigurazione
Durato 9 settimane, da marzo a maggio, e articolato in webinar e videolezioni on-line, il progetto ha offerto a ragazzi, famiglie e insegnanti un percorso di sensibilizzazione strutturato per poter trasformare le fragilità in forza e determinazione, soprattutto dopo il periodo della pandemia.

Prefigurare il Futuro ha promosso nelle scuole italiane la resilienza, la speranza e la prefigurazione, tre capacità straordinarie dell’essere umano capaci di trasformare le difficoltà in opportunità di crescita.

Educare alla resilienza nelle scuole
Patrizio Paoletti tra il pubblico.

“Abbiamo realizzato questo progetto – afferma Patrizio Paoletti, presidente della Fondazione – per potenziare le risorse di chi sta affrontando le conseguenze più pesanti di questo momento storico, in particolare le nuove generazioni, gli insegnanti e i genitori.

Parlo di abilità innate del nostro cervello come la resilienza, la speranza e la prefigurazione. La ricerca di una nuova consapevolezza di sé all’interno di un insieme come il mondo della scuola, può aiutare sia i ragazzi che gli adulti ad affrontare le avversità e a crescere insieme.”

Il progetto è stato ideato da Fondazione Patrizio Paoletti e co-finanziato da Fondazione Mediolanum Onlus. Partner istituzionale è l’Università degli Studi di Padova – Dipartimento FISPPA, che si è occupata, in collaborazione alla Fondazione Paoletti, di svolgere una ricerca ad hoc sull’impatto del progetto, i cui risultati verranno presentati durante l’evento.

L’evento è gratuito e fruibile in presenza e anche in streaming on-line.
Link per icrizione bit.ly/resilienti-11-maggio

La Fondazione Patrizio Paoletti
È un Ente di Ricerca No Profit nato ad Assisi nel 2000 per volontà di Patrizio Paoletti e di un gruppo di ricercatori, pedagogisti, psicologi, sociologi, medici e imprenditori. La Fondazione realizza i propri programmi di ricerca ed i progetti pedagogici per raggiungere un unico scopo: permettere ad ogni persona di entrare in contatto con il proprio immenso potenziale. Da 21 anni la Fondazione studia il funzionamento dell’uomo con una ricerca interdisciplinare: neuroscientifica, psicologica, educativa, didattica e sociale. I risultati di questi studi, insieme al raccordo dei più aggiornati saperi sul funzionamento umano, vengono immediatamente tradotti in campo educativo e didattico, per promuovere i migliori talenti nei bambini e negli adulti.

Per saperne di più:
Vedi fondazionepatriziopaoletti.org