Ma nessuno ascolta le proteste?

L'ultimo corteo a Roma.

a cura di Manuela Pompas

Quando leggo la cronaca (la Tv non la guardo più) non posso fare a meno di pensare a Orwell.
La pandemia in Italia si sta esaurendo, ma non le restrizioni, alcune delle quali anticostituzionali. Per la Costituzione infatti esiste la libertà di stampa, di pensiero, di scelta sanitaria. Dove sono andate a finire queste libertà?

Ho postato sul mio Facebook un video dell’avv. Alessandro Fusillo, che spiega ad esempio che nessuno ha il diritto di chiedere il GP se non ha un’autorizzazione scritto del Ministero della Salute. Guardatelo, informatevi. Sul web ci sono tante fake news, ma anche tante informazioni.

Certo, le proteste non mancano (cortei dovunque, a Roma 4000 persone – che hanno intonato Fratelli d’Italia – a Milano, Torino, Napoli, Bologna) e la richiesta non è vax o no-vax, ma di libertà, che ci viene tolta a spizzichi e bocconi ogni giorno.

E perché queste proteste vengono totalmente ignorate, peggio di un moscerino in un occhio? Perché tutti i medici contrari – che il più delle volte hanno guarito i loro pazienti anche se con cure talvolta non protocollari – vengono sospesi, invece di ascoltarli?
Se propongono cure diverse che funzionano andrebbero presi in considerazione, andrebbero testate le loro proposte, tra l’altro quasi tutti medici di grande statura.
I dubbi che sorgono nei confronti di questa politica sanitaria sono certo forti e legittimi.

Un grande danno economico: ma vogliono far affondare l’Italia?
A parte il danno economico di bloccare un terzo del Paese, c’è chi si ribella per principio. Alcuni commercianti esibiscono, in tutta Italia, cartelli no-vax sull’entrata dei negozi, ci sono ristoranti che non lo chiedono volutamente, parrucchieri che lavorano nelle ore di chiusura. Più difficile è per operai, impiegati, insegnanti che, se non vaccinati, non possono lavorare.

Io non sono vax o no-vax, sono per la libertà di scelta. Ci sono farmaci e rimedi preventivi che funzionano, oltre a un sistema immunitario che se abbiamo rispettato (con il cibo, con le cure, la ginnastica, insomma con una vita sana) ci difende.

Per fortuna qualche virologo sta facendo marcia indietro. Il Green pass «va superato una volta che non sarà più rinnovato lo stato d’emergenza», ha affermato Bassetti, infettivologo genovese, direttore della clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova. «Tra due mesi ci avvicineremo ulteriormente al 95% di popolazione over 12 vaccinata. A quel punto il Green pass avrà esaurito la sua funzione».

Nadav Crivelli: “Chi si batte per un ideale superiore è sorretto dall’Energia divina”

Gerusalemme.Nadav Hadar Crivelli, esperto di Cabala.

Riporto alcune considerazioni che Nadav Crivelli, tra i più autorevoli conoscitori di Cabala e Metafisica ebraica presenti sul panorama italiano ed internazionale, ha pubblicato sul suo Facebook..
“Ricordate? I guerrieri e le guerriere, i cavalieri che difendono i deboli, poveri ed oppressi, nel mezzo dell’infuriare della battaglia, non solo non abbassano la guardia, ma diventano ancora più forti e decisi. In loro scende un’energia superiore, un’energia divina, quella della Rettitudine che stanno servendo, e in onore della quale stanno rischiando. Quest’energia superiore, che poi è la stessa che li condurrà alla vittoria, è tanto più intensa quanto più piccolo è il corpo “egoico” del guerriero e della guerriera”.

Ma cosa succederà ora?
“Non illudiamoci sulla possibilità che ci sia una nuova Norimberga questa volta. In quella precedente c’erano gli eserciti armati dei vincitori, che sono andati ad arrestare i perdenti. Questa volta, chi andrà a prendere i responsabili, dall’Australia al Canada, con tutte le tappe intermedie? Anche vincendo e pur essendo un esercito, siamo quello delle persone libere, di mente e di cuore. Abbiamo armi superiori, la giusta conoscenza e la giusta parola, e continueremo ad usare quelle.
Ce ne verranno date di ancora più efficaci. Questi saranno i “doni dello Spirito”.

E il resto? A che punto siamo della notte? Verrà proposta una specie di “ritorno alla normalità”, che di certo non potrà più essere la stessa di prima. Dopo aver misurato tutta la malvagità e l’ignoranza, sappiamo che i capi ci riproveranno volentieri. Forse continuerebbero a provarci come fanno adesso. Il loro progetto è inalterabile: perseguire il Caos, il ritorno al mondo del Tohu. Così come è inalterabile il nostro progetto: il tikkun, la Riparazione, mettere a posto i recipienti rotti ed elevare le scintille cadute, all’interno di noi stessi e nell’area di relazioni alle quali abbiamo accesso. Facciamolo con grande umiltà. Potremmo non riuscire ad aggiustare più di tanto, ma di certo non saremo parte di un rovinare la vita in questo modo!”

Meditate gente, meditate!
Per innalzare le vibrazioni personali e del pianeta abbiamo a disposizione non solo i cortei e la protesta civile, ma anche la meditazione e la preghiera. Marina Tonini ad esempio continua a organizzare i gruppi del suo Progetto OM in tutta Italia. Il 22.2.22 ci sarà un OM collettivo a livello mondiale con 30.000 persone.

Molti video danno consigli medici e legali, altri invitano ospiti che lavorano per la consapevolezza.

Per questo migliaia di persone in tutto il mondo di diverse confessioni religiose si rivolgono al divino come ne sono capaci, recitando un rosario, un mala, uno dhikr, inviando luce all’umanità perché risvegli la propria coscienza. Male non fa, anzi spesso questa Luce opera guarigioni fisiche e psicologiche. Provare per credere.
Siamo tanti, migliaia, convinti che la Luce vincerà sulle Tenebre. IO CI CREDO

Giornalista, scrittrice, ipnologa, è considerata un'importante divulgatrice nel campo della medicina olistica, la ricerca psichica, la psicoterapia transpersonale. Ha scritto numerosi libri su questi argomenti e la sua ricerca cardine riguarda la reincarnazione attraverso l'ipnosi regressiva. Spesso ospite nei convegni come relatrice sulle tematiche che riguardano la sopravvivenza, è stata spesso in radio e in Tv e ha condotto anche trasmissioni in una Tv privata. Mailto: manuela.pompas@gmail.com