Suoni e mantra della foresta immaginale

... nel nuovo CD Rituali Wabi Sabi

di Sonia Cecchinato. Un viaggio dentro il nuovo CD Rituali Wabi Sabi di Selene Calloni Williams e Rino Capitanata.

Rituali Wabi Sabie esplora la Foresta Immaginale, il luogo dell’estasi, lo stato ampliato di coscienza dove l’impossibile è solo la base di partenza per la creazione di infinite possibilità. Un lavoro per trasformare le debolezze in forza e possibilità. Un cammino di ribellione e liberazione attraverso le melodie curative di Capitanata, compositore, musicoterapeuta e ricercatore visionario, ei rituali e i mantra di Selene Calloni Williams, scrittrice e life-coach di fama internazionale.

Suoni e mantra della foresta immaginale
La copertina del CD di Selene Calloni e Rino capitanata

Wabi Sabi è un’espressione giapponese che indica un cammino di evoluzione atto a manifestare armonia e bellezza; è una visione della realtà, uno stile di vita che ci aiuta a essere più coraggiosi e felici e anche a raggiungere gli obiettivi più importanti mediante la ridefinizione di aspetti della vita, quali l’imperfezione, l’incompiutezza, la fragilità e l’evanescenza, che possono essere trasformati in forze e caratteri positivi della nostra realtà.

Wabi Sabi è la via della bellezza e dell’eleganza, della libertà. È la meravigliosa capacità di essere fragile come un uomo e tranquillo come un dio.

Una musica per attivare gioia e consapevolezza
L’ascolto ci accompagna per mano attraverso la  voce e le melodie estatiche a 432 Hz per farci entrare in una dimensione senza collocazione né di spazio né di tempo, in cui il rituale diventa lo strumento dell’unica, vera rivoluzione, la rivoluzione della coscienza.

“Suoni e mantra della foresta immaginale” è una grande iniziazione per coloro che hanno una potente natura emotiva e spirituale, una potenza dell’anima e un alto senso della libertà. Illuminarsi di gioia, amore, consapevolezza, gloria e benedizioni è vitale nei tempi di crisi, che possono trascinare nell’oscurità.

«La bellezza non è una questione di forme e di misure, ma di ciò che trasudi», dice Selene Calloni Williams. «Esiste un luogo oltre la mente, fino a che non lo raggiungerai non potrai conoscere il segreto della bellezza. Bisogna imparare ad esprimere gratitudine ai nostri antenati e a pacificare le immagini perturbate.

Suoni e mantra della foresta immaginaleApprendere come produrre denaro con il potere più importante che possediamo: la creatività, la mentalità di chi vive pienamente nell’abbondanza senza limitazioni.

Wabi Sabi è una visione della realtà, uno stile di vita che ci aiuta a essere più coraggiosi e felici, e anche a raggiungere gli obiettivi più importanti mediante la ridefinizione di aspetti della vita, quali l’imperfezione, l’incompiutezza, la fragilità e l’evanescenza, che possono essere trasformati in forze e caratteri positivi della nostra realtà.

«Ho vissuto per parecchi mesi», dice Rino Capitanata «in questo affascinante mondo Wabi Sabi cercando le armonie e le melodie giuste per accompagnare i mantra e i rituali di Selene Calloni Williams. Suoni e mantra della foresta immaginale è stata un’sperienza intensa.

Ho passato molte ore nei boschi in silenzio ad ascoltare i suoni della natura, l’ambiente naturale, le energie che sprigionano, mi hanno aiutato ad entrare in contatto con il mio profondo Sé. E da lì ho dato forma all’ispirazione, registrando  i suoni della natura di questi boschi riportandoli e come sottofondo nei vari brani, poiché sono convinto che questi suoni comunicano pace e armonia.

Ricordo in particolar modo una quercia secolare: era il mio luogo preferito e ogni qualvolta mi sedevo ai suoi piedi come per incanto le mie frequenze cambiavano in meglio, i miei ritmi si calmavano entrando in rapporto con il ritmo lento della natura che ci indica sempre che proprio nella lentezza la natura comunica e ci ispira».

Acquista ora col 15% di sconto, clicca qui

Ricercatrice, giornalista musicale, approfondisce da anni ogni aspetto della musica per il benessere psicofisico scrivendo articoli e libri sull’argomento.