Una marea di donne in rosa

Una testimonianza di una terapeuta sull'importante manifestazione fiorentina

di Giovanna Mariani. Ho partecipato con 40000 donne alla manifestazione “Venere vincerà” a Firenze.

Il 14 novembre oltre 40000 donne sono arrivate in piazza Michelangelo a Firenze, invitate dal vicequestore Nunzia Alessandra Schilirò per la manifestazione “Venere vincerà”. È stata una marea pacifica di ombrelli rosa, colore che simboleggia la volontà di opporsi a obblighi e imposizioni. “Viviamo un periodo molto buio, le persone non sono serene. Vogliamo riportare l’energia femminile nel mondo che rappresenta la non violenza, la gentilezza, l’accoglienza”, ha dichiarato la dottoressa Barbara Burroni, biologa naturopata.

Giovanna Mariani

Sono un’esperta di Medicina Cinese per occidentali e proprio in questo periodo di crisi mi stavo chiedendo se è possibile continuare con la mia professione.

E insieme a me molte donne, quasi tutte le amiche, mamme, insegnanti, e anche le amiche della Libreria delle donne di Milano – nonostante le dichiarazione in difesa di noi stesse e dei nostri piccoli sembravano rassegnate alle limitazioni che stiamo vivendo in questo momento momento. Ma non era forse era il nostro compito creare un mondo migliore e portare la pace e l’unione sulla Terra?

L’occasione è arrivata quando è apparsa in TV la Schilirò, vice questore di Roma. Con i suoi riccioli, mi sembra uscita da un’anfora di una nobile Greco-romana e sento che parla con il cuore.

E da lì a poco ci invita con la sua splendida eloquenza a prendersi la responsabilità dell’amore del cambiamento: finalmente ci siamo! Decido subito di partire sicuramente a Firenze domenica 14 novembre.

Pullman di donne verso Firenze

Il gruppo di donne “rosa” in pullman.

Un giorno una panettiera mi invita ad andare a Firenze. Di colpo mi trovo con altre 83 donne amiche decise come me, caspita. Mille problemi prima di partire, ma prima d’ora comprendiamo che la decisione fa superare qualsiasi ostacolo che è solo illusione.

Il viaggio divertente comincia con due pullman e delle preghiere: una signora francese ci consegna una Madonnina affinché offriamo la nostra femminilità a ciò che è più sacro, l’Amore, e chiediamo protezione.

Seguono grandi risate: se ci fermano siamo donne devote che vanno al santuario a pregare e così era, ma il gioco di parole ci rallegrava molto ed alzava l’umore.
Quindi ci sono fitte edificanti conversazioni e scambi di conoscenza profonda, tanto sostegno e comprensione per le vessazioni subite per sé e i propri cari e soprattutto per i bambini.

Arriviamo in piazza Michelangelo
Il paesaggio tardo autunnale dorato e rosa e beige della Toscana ci accoglie in tutta la sua bellezza, tanto da commuovermi e mi scendono alcune lacrime, non mi capita mai. Improvvisamente ecco maestosa e fantastica piazza Michelangelo, incredibile e bellissima scenografia piena di spazio e libertà.

In fondo sulla destra due giovani ragazzi sgattaiolano verso la seconda piazza, decisi vogliono esserci anche loro e sono fra i primi sotto il palco: che carini. Pullman e persone – tantissime donne – arrivano da tutte le parti  e l’aria è leggera fresca e rosa, una dolcezza ovunque.

Una marea di donne in rosaRiusciamo a raggiungere la seconda piazza con il mio gruppo, un po’ in ritardo; qui e là alcuni uomini, uno piccolo e uno alto mi guardano e il più piccolo mi dice con accento veneto: ce volemo essere anche noi!

Rispondo prontamente ridendo: ma ci mancherebbe, siete i benvenuti. E con le giovani ragazze venete rido dicendo: già che ce li avemo!

Ovunque mi balza all’occhio il colore rosa delle sciarpe e degli ombrelli e una sensazione di leggerezza e felicità mi pervade. Una signora gentile mi regala dei bulbi. Rido con delle ragazze.

Che bello: una manifestazione di tutte donne. Una marea di donne in rosa.
Difficoltà con l’audio che riprenderà perfettamente a fine manifestazione, ma nessuna demorde, ferme sotto la pioggia anche con gli ombrelli chiusi. Per ovviare all’audio intervengono due amici.

Venere vince sempre su Marte

Una marea di donne in rosa
Firenze. Nunzia Alessandra Schilirò.

Nunzia Alessandra Schilirò, Nandra per gli amici, con la sua magnifica eloquenza parla del femminile, del fatto che Venere ha vinto su Marte.

Poi sottolinea l’origine dell’universo e dell’umanità per lo più femminile, esalta le qualità materne e dell’amore, la capacità di prendersi cura dei propri figli e dei dubbiosi, degli scettici e di tutta questa situazione. Benvenute tutte le religioni purché portino Amore.

Marina Tonini inizia con un bellissimo discorso sul fatto che l’umanità si è allontanata dalla sua spiritualità.

Dice che l’OM ci connette direttamente con l’Amore Universale, che niente e nessuno può impedire. Termina con il Padre Nostro e l’Ave Maria, una preghiera che chiede il perdono per i nostri errori e di aiutarci ad arrivare alla meta.

Una meditazione di luce
Una marea di donne in rosaMusica. Si canta, balliamo. E poi ci viene suggerita una meditazione legata alla Luce per essere radiose al nostro ritorno.

E prima delle partenza viviamo ancora momenti di danze e canti, accompagnate dai tamburi di guarigione. E così qui e là ci si incontra e rincontra, una gioia ovunque.

Giovani poliziotti ci fermano e quando diciamo che dobbiamo andare al bagno diventano rossi come tulipani, che carini!

È ora di tornare. Peccato, alle 19 c’era lo scrittore Michele Giovagnoli, alchimista e difensore dalla Natura, ma è tardi. Accordi, scambi, impegni si concordano nel ritorno.

Abbiamo vissuto una giornata meravigliosa, ho un’energia straordinaria e sono pronta con tutte le altre donne a costruire castelli contro i venti del futuro.


Per saperne di più

L’OM cantato a Firenze: video
La manifestazione di Firenze: video

Giovanna Mariani
Esperta di MTC (Medicina Tradizionale Cinese) integrata, con laurea all'Un. di Nanchino per occidentali, dopo un'esperienza di ballerina coreografa. Ha conferito una formazione internazionale dei responsabili del governo Cinese sotto l'egida dell’OMS. Specializzata in Martelletto della Salute e Qi Gong per gli occhi. È istruttrice in Qi Gong terapeutico e Tai Ji. Ha perfezionato un suo metodo per gli occidentali di Qi Gong e Tuinà. Riceve a Milano. Website: http://www.giovannamariani.it/qigong