Una Università per imparare a perdonare

Forgiveness web

Per costruire le basi di un cambiamento reale, è necessario iniziare dalla coscienza di ogni individuo per poter formare una nuova generazione di persone più consapevoli. Diversi i ricercatori che stanno già lavorano in questo ambito, fra questi spicca Daniel Lumera, che si è distinto nel panorama internazionale per le sue ricerche sulla natura della coscienza e soprattutto sul perdono.

DANIEL+LUMERA2
Daniel Lumera.

Nel 2013 ho fondato la “I.S.F. Scuola Internazionale sul Perdono, un prestigioso Istituto di formazione nato in seno alla Fondazione My Life Design, con sede a Barcellona. Il programma didattico della I.S.F. prevede un corso base di una giornata, dove si apprende il metodo I sette passi del Perdono;  segue un corso di specializzazione di quattro incontri per formarsi come Life Designer sul perdono e infine il corso per insegnanti della durata di un anno e mezzo.
Questa iniziativa è nata in Spagna e poi ha sedi in America Latina (tra cui Brasile e Argentina) e dal 2015 anche negli USA. In Italia la Scuola Internazionale del Perdono svolge attualmente i programmi di specializzazione presso il CET (Centro Europeo di Tuscolano), la città della Musica fondata da Mogol e ha tra i suoi docenti e collaboratori diversi ricercatori internazionali fra cui Cristina Escrigas (Global University Network for Innovation UNESCO), Anna De Santi (Istituto Superiore di Sanità); Erica Poli (Medico Psichiatra), Manel Armengol (professore associato ESADE), Carla Romanelli Crowther, (ex relazionali internazionali del nobel Carlo Rubbia).

Il potere terapeutico del perdono
Gandhi affermava che solo chi è coraggioso è capace di perdonare e in effetti il perdono è una virtù che manifesta solo un’anima matura. Riguardo al perdono e al suo potere terapeutico e guaritore c’è poca consapevolezza e molta confusione.

g3030Spesso si associa alla religione, nello specifico alla corrente giudaico cristiana, quando invece esistono tracce e approcci al perdono che risalgono a culture e tradizioni esistite circa 4.000 anni fa nel pianeta. Il perdono è un vero e proprio percorso di consapevolezza che migliora la qualità della vita, la capacità di essere felici, la salute e la facoltà di sviluppare relazioni sane e pienamente appaganti. Nel recupero di questo senso perduto del perdono sta collaborando, da circa un ventennio, anche la scienza, che comincia a dimostrare il suo straordinario potere terapeutico. Fra i tanti studi quello dei ricercatori dell’Università del Wisconsin che hanno verificato come perdonare sia un’efficace medicina per diminuire il rischio di sviluppare malattie cardiache e gravi disturbi mentali. Il dottor Douglas Russell, in un articolo pubblicato sul Los Angeles Times, illustra uno studio effettuato nel 2003, nel quale viene dimostrato che, anche solo dopo dieci ore di corso sul perdono, le attività coronariche dei pazienti presentavano un sensibile miglioramento. Lo stesso vale per il sistema nervoso, il sistema immunitario, l’attività cardiovascolare, la salute mentale. Perdonare fa bene al corpo e allo spirito; e la sua comprensione e integrazione risultano fondamentali per la salute, la qualità della vita e la propria realizzazione.

i-7-passi-del-perdono-libro-65782Nella International School of Forgiveness si studia un approccio integrato sul perdono sviluppato su sei livelli che trattano il corpo fisico, l’energia vitale, le emozioni, la mente, il passato, le situazioni, le relazioni, lo spirito e la coscienza. La I.S.F. nasce dunque per rendere accessibile l’esperienza del perdono a tutte le persone che vogliono sperimentare l’impatto profondo su se stesse, nelle relazioni, nei gruppi, nelle organizzazioni e nella società, con l’intenzione di favorire una comprensione globale di questo processo e poter beneficiare integralmente degli effetti positivi che è capace di produrre su molteplici livelli di esperienza.
Il perdono, la consapevolezza, la gratitudine, la felicità e l’amore sono forze essenziali e fondamentali attorno alle quali gravita l’esistenza in tutte le sue manifestazioni. Dovrebbe esserci una grande attenzione volta allo sviluppo di un’educazione realmente incentrata su questi aspetti. La Scuola Internazionale del Perdono è un esempio di come queste forze possano essere vissute e applicate a un nuovo modo di vivere la vita. Tra le principali attività della scuola troviamo anche lo sviluppo di nuovi modelli sul perdono in relazione alla formazione delle social and life skills, all’educazione dei bambini e degli adulti, allo sviluppo di una cultura della pace e risoluzione non violenta dei conflitti, al dialogo interculturale e alla solidarietà. Nei programmi didattici che la Scuola propone si distingue il Forgiveness Children Programme, un percorso formativo interamente dedicato ai bambini e ai genitori.
In una società materialista, competitiva e individualista, basata sulla punizione, sulla colpa e sulla ricerca del profitto a tutti i costi, conoscere una realtà come quella di una iniziativa che promuove il perdono e la consapevolezza non può che essere una provocazione per tutti i cuori che si sono spenti.
Per questo, con il mio staff, lavoriamo per una cultura che ci permetta di riconoscere e condividere una nuova maniera di vivere e sentire la vita, una conoscenza di noi stessi e della realtà molto più semplice e immediata, consapevole e ispirata, capace di sviluppare naturalmente quell’unione, realizzazione e felicità che sono la nostra eredità naturale.

                                                                     scritto in collaborazione con Annalisa Caria

Per saperne di più:
Daniel Lumera: “I 7 passi del perdono” (Macro ed.)
website: info@mylifedesignfoundation.org
Video: https://www.karmanews.it/1443/daniel-lumera-i-7-passi-del-perdono/