Gianni Golfera: tecniche mnemoniche

Un modello mnemonico che consente di ottenere risultati straordinari”

di Silvia Castellani. Che cosa ci propone “Apprendimento rivoluzionario”? Nel suo ultimo libro, Golfera spiega il suo metodo scientifico per apprendere in modo corretto e più velocemente.

“Un modello mnemonico che consente di ottenere risultati straordinari” è in estrema sintesi quello che il libro di Gianni Golfera dal titolo Apprendimento rivoluzionario si ripromette di offrire al lettore attraverso l’applicazione di una serie di strategie sintetizzate nell’acronimo E.M.A.I.C.E, che significa “e mai ce lo dimenticheremo”, atte a potenziare le capacità mentali. Il libro è rivolto a tutti perché, come affermato dallo stesso autore nelle prime pagine, “tutti abbiamo la possibilità di migliorare facilmente la memoria”.

Gianni Golfera

Quanto serve memorizzare cose nuove ogni giorno?
La risposta è presto servita, basti porre mente ai nomi, ai numeri di telefono, alla lista della spesa, per fare alcuni semplici esempi legati alla quotidianità di ciascuno e ancora si pensi in ambito professionale a quanto bisogno ci sia di immagazzinare dati, liste e testi anche complessi. Ricordare facilmente tutto quello che ci serve è certamente molto utile. Ricordare, dal latino re-cordis (richiamare nel cuore, centro delle emozioni); il coinvolgimento emotivo infatti, come sottolinea Golfera, “permette di ricordare informazioni astratte e complesse in un istante”.

C’è da dire che oggi molto è demandato alla tecnologia (computer, rubrica del cellulare, eccetera) che si sostituiscono al nostro bisogno di memorizzare dati, elenchi e testi, ma ricordare resta necessario, fondamentale anzi. “Proprio perché tante cose sono ormai demandate alla tecnologia”, scrive Golfera “il valore della mente umana è più prezioso che mai. L’abilità di integrare i ricordi, elaborare l’infinito numero di informazioni che ci vengono costantemente fornite, strutturare la conoscenza, poter scegliere tra ciò che è utile tenere a mente e ciò che invece è bene dimenticare: sono operazioni che nessuna macchina potrà mai fare meglio del nostro cervello”.

Più memoria è possibile?
Secondo l’autore di Apprendimento rivoluzionario vi sono concezioni errate relative al funzionamento della memoria e meccanismi che ciascuno mette in atto, avendoli appresi nel corso della vita in diversificati contesti, che impediscono di apprendere nella maniera migliore tuttavia, una volta che ci appropriamo degli strumenti giusti, possiamo aumentare notevolmente la memoria (fino a 10 volte) migliorando la nostra vita sotto tutti gli aspetti, professionali, personali e relazionali.

Più memoria e quindi più sapere, per Golfera è sempre possibile, la memoria a lungo termine non ha infatti problemi di spazio ma solo di ordine. E il manuale spiega come mettere ordine.

Più memoria è possibile per ognuno, non è infatti correlata all’età (le performance mentali sono aumentabili sia nei bambini sia nelle persone non più giovani) né alla così detta “cultura di base”. Per usare ancora una volta le parole di Gianni Golfera: “anche chi ha una cultura più modesta potrà acquisire facilmente tutto quel che serve per sviluppare le proprie capacità. Il mio metodo è stato perfezionato nel corso degli anni e dell’esperienza per poter essere appreso in modo intuitivo da chiunque, proprio perché stimola la memoria naturale attraverso il suo stesso linguaggio, facilmente comprensibile da tutti”.

Più memoria, infine, non solo è possibile, ma è un’esigenza irrinunciabile in un’epoca come quella che stiamo vivendo, caratterizzata da un altissimo flusso di informazioni e richieste correlate, per esempio di aggiornamento costante in ambito professionale. E se conoscere è ricordare, citando Platone, bisogna imparare a ricordare.

Chi è Gianni Golfera
Gianni Golfera, esperto di tecniche di apprendimento veloce e autore di svariate pubblicazioni sul tema della memoria tra cui il bestseller intitolato Più memoria, è stato definito “l’uomo con più memoria al mondo” dopo essere stato sottoposto agli inizi degli anni Duemila a diversi test dalla comunità scientifica internazionale, in seguito a una ricerca condotta dall’Università Vita-Salute del San Raffaele di Milano in collaborazione con il Boston Institute of Tecnology.
Sulla prestigiosa pubblicazione Brain Research Bullettin gli autori dello studio hanno affermato – così si legge nel manuale Apprendimento rivoluzionario – di “non essere stati in grado di stabilire i limiti della memoria di Golfera”.

Golfera durante un test al San Raffaele

L’intento di Golfera che sostiene di non avere un corredo genetico particolare ma “solo” di essere da sempre una persona molto curiosa e motivata, è quello di condividere questo metodo mnemonico (GiGoTec – Gianni Golfera Tecniche) con quante più persone possibili e ha già coinvolto molte migliaia di soggetti interessati a potenziare la propria capacità di ricordare. In oltre venti anni di attività, studi e  ricerche, si sono affidati a Gianni Golfera svariate aziende, professionisti, studenti, istituzioni e anche personaggi nel mondo dello spettacolo come Andrea Bocelli e Marco Columbro le cui testimonianze sono riportate sul sito www.apprendimentorivoluzionario.com.

Come funziona il metodo Golfera

Prima di formulare il proprio sistema, questa la doverosa premessa, Gianni Golfera ha condotto studi approfonditi sull’arte della memoria che si spingono indietro fino al V secolo a.c. Il tutto prende le mosse da un libro che gli viene regalato da un amico di famiglia quando è poco più che un bambino, il De Umbris Idearum di Giordano Bruno, trattato in cui il filosofo del 1500 presenta le sue strategie e tecniche di memorizzazione. E’ questa lettura a rappresentare il primo contatto dell’autore con l’idea che la memoria può essere notevolmente potenziata.

Nel manuale Apprendimento rivoluzionario che contiene 27 anni di ricerche si fa cenno innanzitutto a questi studi e vengono spiegate le definizioni di memoria a breve e lungo termine per passare poi all’introduzione di GiGoTec incentrato sulla così detta fase di acquisizione delle informazioni, ancor prima della loro elaborazione e restituzione.

Golfera con Andrea Bocelli.

Veniamo alla “formula del primo bacio” che mette in risalto l’importanza del fattore emotivo. Chi ricorda il primo bacio? Certamente moltissime persone. Non così semplice ricordare invece un testo magari importante per la nostra professione. La differenza sta nella nella fisiologia del cervello ed è proprio su questa fisiologia che interviene il metodo facendo sì che quanto abbiamo bisogno di imparare, possa andare direttamente nella memoria a lungo termine (quella per sempre, per intenderci) grazie all’attivazione di reazioni biochimiche diverse da quelle che si mettono in moto per memoria a breve e medio termine.

E.M.A.I.C.E, l’acronimo che sta per “e mai ce lo dimenticheremo”, che comprende Esagerazione, Movimento, Associazione Inusuale e Coinvolgimento Emotivo, fa leva sulla concatenazione di immagini (sono anzi le caratteristiche delle immagini che bisogna visualizzare quando si memorizza un’informazione) che il metodo insegna a formulare e unire.

Nel manuale vengono dunque via via spiegate varie tecniche per memorizzare nomi e cognomi, liste, elenchi e testi. Ci sono la “teoria dei luoghi”, la “tecnica delle liste” e via dicendo, così tutto quanto ci serve potrà essere memorizzato, anche un gran numero di vocaboli (diverse decine al giorno) per imparare una nuova lunga.

Apprendimento rivoluzionario è un manuale certamente interessante e utile per tutti quelli che vogliono iniziare a sviluppare il proprio potenziale mnemonico consapevoli che curiosità, voglia di imparare e allenamento non possono mancare. Senza questi prerequisiti infatti, difficilmente, come in tutte le cose, si può apprendere o migliorare le proprie conoscenze e competenze.

Recensione al libro Apprendimento rivoluzionario di Gianni Golfera, manuale in pdf, pagg. 322, acquistabile sull’omonimo sito web.

Autore: Gianni Golfera
Titolo: Apprendimento rivoluzionario
Editore: da scaricare dal sito
Prezzo: 5,95€

In copertina: Foto di Gerd Altmann da Pixabay.

Per saperne di più:
Gianni Golfera attaccato per truffa: art di Neuroblog