Comunicazioni con l’Oltre

I nostri cari ci sono sempre accanto e cercano di comunicare con noi

di Sonia Benassi. La medium risponde come sempre alle vostre lettere, canalizzando le entità con cui viene a contatto, che portano sempre parole di speranza

Ciao a tutti e ben ritrovati. Tante sono le mail che ricevo e sono davvero dispiaciuta di non poter rispondere a tutti.
Lo scopo della mia medianità è quello di poter dare una briciola di serenità, una carezza sul cuore a chi rimane qua sulla terra e non riesce a darsi pace per un proprio caro, un amico o un animale che ha attraversato il ponte.
Non è sempre facile farlo ma l’impegno che metto in ciò che faccio arriva dal profondo della mia anima. Vi abbraccio tutti. Sonia.

Non mi do pace e non riesco a vivere senza di lei
Comunicazioni con l'OltreSonia ciao, sono Dario e ti scrivo da Monza. Ho perso Elisa, la mia compagna di vita. Ci siamo conosciuti sui banchi di scuola, ci siamo innamorati e non ci siamo più lasciati. Aveva 42 anni quando le hanno diagnosticato un carcinoma al pancreas ed esattamente 8 mesi dopo mi ha lasciato. Ero convinto ce la facesse anche se le nefaste previsioni dei medici si sono avverate.
Non mi do pace e non riesco a vivere senza di lei. Non mi sono mai posto la domanda di che cosa ci fosse “dopo”. Ma adesso vorrei saperlo, sapere che lei sta bene e che mi guarda dal posto in cui si trova. Non parlo direttamente ad Elisa ma mi rivolgo a te Sonia, come medium ma anche come persona. Se esiste una magia con la quale darmi un filo di speranza, ti prego fai questa magia.
Con stima ed affetto, Dario.

Ciao Dario, grazie per l’affetto e la stima che hai nei miei confronti, Ricambio con altrettanto affetto e ti scrivo le parole che la tua Elisa mi ha dettato. Un abbraccio forte, Sonia.

“Amore mio, anche io ero convinta di farcela e ho lottato fino alla fine che fine non è. Tutto comincia, tutto ha inizio in questo nuovo mondo governato da giustizia e perfezione. Butta via i sensi di colpa e abbi la certezza di rivedermi. Adesso però devi vivere, portare avanti i tuoi, i nostri progetti che saranno molto utili alle persone che come me hanno attraversato la malattia. Ho visto tuo padre ed è assieme al vostro cane, quello che avevate quando eri bambino. Tutto esiste, tutto è sottile ma molto vicino al mondo terreno. Dado, tu sei Dado, sei e sarai sempre il mio Dado ed io sarò sempre la tua Eli, sempre significa oltre e continueremo qua la nostra vita.
La vita è qua ed io preparerò quella che sarà la nostra casa. Non abbiamo avuto bimbi ma qua saremo circondati da bimbi curiosi ed entusiasti di conoscerci. Ora vivi, stai nelle cose belle, fai cose importanti per te e per gli altri, dai sollievo dove puoi. Sentirai il tocco della mia mano sulla tua guancia, ti scenderà una lacrima e sarà la mia carezza.
Ti amo più ti qualsiasi cosa al mondo ed oltre il mondo. Ci rincorreremo ancora facendoci i nostri scherzi. Ritroveremo le nostre risate. Io ci sono!”

Te ne sei andato così velocemente, senza preavviso
Cara Sonia mi chiamo Michela e sono una ragazza di 26 anni. Vorrei far arrivare queste parole a mio padre che ci ha lasciati 16 mesi fa lasciando in tutti noi un tremendo vuoto. Grazie.

“Papà ciao, sono la tua Miky. Mi manchi, mi manca tutto di te. Ci hai lasciate così e non ci siamo nemmeno salutati. Tutto così veloce senza preavviso. Nessuno si sarebbe mai immaginato che tu potessi essere tradito così dal tuo cuore. Tu sempre così attivo, sempre sorridente e disponibile nei confronti degli altri.
Le tue nuotate nel nostro mare, mai stanco e sempre pronto a fare contente me e mamma. Te ne sei andato davanti ai nostri occhi, la nostra disperazione è ancora viva ma siamo certe che ora lassù sarai assieme a nonna e nonno e chissà con chi altro. Lo zio Mimmo viene sempre a trovarci e ti somiglia tanto in tanti atteggiamenti.
Non abbiamo nulla da chiederti ma vogliamo solamente sapere se stai bene, chi ti ha accolto e che cosa fai. Fatti sentire papà. Abbiamo bisogno che tu ci sia. Miky e mamma”.

“Sto bene e sto ancora meglio ora che mi avete cercato, anzi, io ho cercato voi.
Sono arrivato spedito senza problemi e ho attraversato il famoso tunnel del quale si parla sempre. Una luce e dei colori indescrivibili, musiche e suoni mai sentiti, mi sono fatto trasportare perché le sensazioni erano di estrema fiducia ed affidamento. Ho visto subito nonno ed è stata una gioia grande. Lui che se ne era andato quando avevo appena 16 anni, mi ha abbracciato forte in un abbraccio impalpabile di amore incondizionato. Dí a mamma che ho visto nonna e che anche lei è nella dimensione dove mi trovo io. Sono in alto e sono arrivato subito in alto. Ho ritrovato Francesco il mio caro amico di scuola con il quale andavo a pesca. Stiamo spesso assieme e condividiamo ancora passioni oltre al lavoro che svolgiamo qua. Accolgo le anime che come me arrivano improvvisamente e si trovano smarrite. Indico loro la strada e le affido ad altre anime che spiegano a loro la loro condizione. Nuoto anche qua, mi sono creato il nostro mare e il mio sguardo è sempre rivolto su di voi. Ringrazia zio e digli che mi dispiace per la discussione per l’auto di nonno. Vi amo e ci sono.”

Sonia Benassi
Diplomata al Conservatorio come pianista, docente di musica alle scuole elementari e medie di Parma, fin da piccola ha rivelato le sue doti di sensitiva e medium. La sua mail: sonia.benassi16@gmail.com