Pineale: elettromagnetismo e salute

Un'indagine tra scienza e spiritualità

di Ubaldo Carloni. Dobbiamo proteggere per quanto è possibile questa importantissima ghiandola – per gli antichi sede dell’anima – dai campi elettromagnetici che danneggiano la produzione di melatonina

Pineale: elettromagnetismo e salute“Anche se l’anima si unisce con tutto il corpo, c’è una parte del corpo (la pineale) in cui questa esercita la sua funzione più che altrove …

La pineale viene così sospesa tra i passaggi che contengono lo spirito animale (guida e ragione, portando sensazione e movimento) verso l’anima … Il corpo macchina è costituito in modo che ogni volta che la ghiandola viene stimolata in un modo o nell’altro, dall’anima o da qualsiasi altra causa, spinge lo spirito al cervello animale”. Parole di Cartesio.

L’idea che la pineale sia l’organo di interfaccia tra il mondo materiale e quello spirituale, che gli antichi chiamavano anima, ne parlava Erofilo, filosofo-medico greco del 3° sec a.C., anatomista di cadaveri, che costatava l’unicità della pineale, unica ghiandola non doppia.

Proprietà elettromagnetiche
Ricerche recenti, tra gli anni ’80 e ’90, mostrano che deboli campi elettromagnetici (E.M.) come quello terrestre influenzano la pineale, e che l’idrossiapatite, insieme alla calcite e magnetite in essa contenuta, hanno proprietà piezoelettriche: possono cioè trasformare vibrazioni meccaniche e sonore in impulsi elettrici. Questa qualità è applicata per esempio negli orologi al quarzo, nei cellulari, negli amplificatori, nelle stampanti ecc.

Ora è più chiara la sua posizione in prossimità dei nervi ottici, collegata alla retina (vedi karmanews) e alla luce. Il ruolo dei campi E.M. è fondamentale per il funzionamento dell’organismo e in ultima analisi della Vita stessa, perciò l’evidenza che il caos elettromagnetico, dai dispositivi elettronici onnipresenti fino al 5G, possono perturbare gravemente la funzione cerebrale e la ghiandola pineale, pone interrogativi planetari sul modello di sviluppo attuale.

I danni dei campi E.M.

Pineale: elettromagnetismo e salute
Un’antenna 5G.

Anche la International Agency for Research on Cancer (IARC Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro) classifica i campi elettromagnetici (EMF) come ‘probabili cancerogeni’ per gli umani; essi possono trasformare le cellule normali in cellule cancerogene.

Studi e scoperte recenti pubblicate nel Journal of Pineal Research confermano che i campi EM danneggiano la produzione di melatonina, poiché la pineale riconosce facilmente i campi E.M. come luce, che secondo le ricerche scientifiche accademiche porta a conseguenze sulla salute degli umani.

La scienza spirituale sa da sempre che noi siamo sono esseri di luce, la scientificità accademica non può più esentarsi dal riconoscerlo, e come nella sua tradizione deterministica, vero irrisolto problema gnoseologico, cerca in luoghi specifici del corpo caratteri che invece riguardano l’intero.

Uno sguardo interno
Scansioni del cervello rivelano che l’attività della ghiandola pineale aumenta con la meditazione, così si può ipotizzare che la ghiandola pineale possa essere sintonizzata a certe frequenze, cosa che può determinare un senso di euforia e la connessione con la “unità del tutto”.

Coloro che hanno avuto esperienze spirituali, dopo la pulizia intestinale che si riflette sull’attività cerebrale e della ghiandola pineale, o dopo la pratica di esercizi energetici di attivazione della pineale, iniziano a comprendere che il corpo può in effetti essere sintonizzato a ricevere certe onde di frequenza di energia, positiva ma anche negativa, e ciò che altera la coerenza del corpo umano disturba anche il potenziale dell’essere umano nel dare e ricevere energia positiva.

Se la consapevolezza umana veramente è coordinata per buona parte dalla funzionalità della ghiandola pineale, e quest’ultima viene condizionata in modo preoccupante dalla radiazione elettromagnetica dell’ambiente, si può affermare che l’attuale modello di sviluppo ambientale E.M. caotico danneggia la nostra consapevolezza.

Pratiche di attivazione della pineale
Pineale: elettromagnetismo e saluteAvere un buon sonno e meditare, sviluppare le proprie percezioni e non dichiararle come non razionali, vedere in profondità le proprie emozioni, costituiscono pratiche di attivazione della pineale.
Lo sviluppo della capacità del sé interiore è passaggio fondamentale che permette di accogliere la Realtà per ciò che è: concreta e impalpabile, credibile e finta, illusoria e solida, cioè contradittoria, che per la ragione sarebbe inesplicabile.

Questo è possibile poiché ciò che definiamo realtà è solo una modalità rappresentativa di un tipo di spazio-tempo, quello a cui siamo stati addestrati a credere, tra le molteplici modalità.
Lo sviluppo delle capacità interiori, mediate dalla pineale, permettono di riconoscere questa molteplicità, di osservarne gli attributi positivi e i limiti, la bellezza e la falsità, la verità e la manipolazione.

Proprietà della melatonina
La melatonina prodotta dalla pineale, che deriva dalla serotonina, è attiva nelle ore notturne, influenza la modulazione di veglia-sonno, il picco di attività nelle ore centrali della notte. Molte le sue proprietà, tra le quali anche quelle utilizzate negli ultimi vent’anni a scopo terapeutico. Infatti essa esalta e rinforza il sistema immunitario e il sistema circolatorio (antiaggregante), è un potente antiossidante, così importante nello sviluppo e conservazione delle facoltà del cervello.

La melatonina viene sempre più utilizzata nelle terapie oncologiche, poiché oltre alla regolazione immunitaria così fondamentale in queste patologie (ma anche in molte altre di carattere autoimmune), possiede infatti proprietà di apoptosi, favorisce cioè la morte cellulare riducendo anche i fattori di crescita, così determinanti per la proliferazione cellulare incontrollata. Possiede dunque grande versatilità funzionale, potendo esercitare un effetto antitumorale regolativo sia diretto che indiretto, in sinergia con altre molecole funzionali, come la vitamina C e D3.

Molecola multitasking
Pineale: elettromagnetismo e saluteStudi recentissimi inoltre hanno mostrato che la melatonina possiede effetti di rigenerazione degli assoni motori, come nella compressione del nervo sciatico o la degenerazione indotta da neuro tossine.

Possiede anche proprietà protettive cardiologiche, come nell’esposizione al particolato fine PM 2,5 (nanoparticelle), tipico dell’emissione industriale, che è correlata al rischio di sviluppare fibrosi cardiaca.

È di grande interesse costatare che molecole naturali, sia prodotte dal corpo che naturalmente presenti nell’ambiente, come nel mondo vegetale, aiutino persino nelle patologie più dannose e mortali che si conoscano. La pineale ha dunque un ruolo molto importante nel mantenimento della salute.

(Prossimamente descriveremo le principali sostanze tossiche per la pineale e i metodi di pulizia, attivazione  e disintossicazione).

(3a puntata – continua)

Gli altri articoli di Ubaldo Carloni sulla pineale
I segreti della ghiandola pineale
La pineale e gli ormoni della sensitività
La pineale: un’antenna ricetrasmittente?
La pineale, un ponte tra corpo e psiche
Pineale tra ricerca e mistero

Ubaldo Carloni
Già ricercatore in biochimica nutrizionale e farmacologia; nutrizionista, diploma e membro AMIK ( Associazione Medica Italiana Kousmine). Autore di varie pubblicazioni scientifiche e divulgative. Specializzazione in Kinesiologia Applicata-Olistica. Master in Zen Shiatsu, esperto in MTC. Ha studiato alla Facoltà Teologica; ricercatore indipendente in discipline Spirituali, Teologiche e Scienza. Tiene corsi e conferenze di Bioenergetica, rapporti tra Chimica, Nutrizione, Ecologia e Salute; Evoluzione Spirituale, Globalizzazione. Mailto: ubacarloni@gmail.com - tel. 348.3150214.