Voci dall’infinito

La rubrica @lettere dall'aldilà

Voci dall’infinito

di Sonia Benassi. Riprende la rubrica della medium Sonia Benassi, che risponde alle vostre lettere canalizzando i vostri cari, genitori, partner e, questa volta, anche un cane.

La rubrica di Sonia BenassiCiao a tutti e ben ritrovati, sono Sonia e sono un ponte tra voi e i vostri cari disincarnati. Sono felice di poter riprendere a scrivere e a rispondere per questa rubrica. Le richieste sono sempre tante e ovviamente non posso rispondere a tutti.
Attraverseremo assieme il ponte ed io cercherò di farvi incontrare chi fisicamente non è più accanto a voi, ma soltanto fisicamente. Energie sottili ma talmente forti che i due mondi si fondono in uno sole. Vita e Morte nella stessa atmosfera.

Anche gli animali comunicano. Con il linguaggio dell'amore
Non stupitevi quindi se incontrerete i vostri amati animali che raggiungono immediatamente la dimensione più alta essendo anime pure e non giudicanti. Accanto a voi nella vostra vita terrena e accanto a voi anche dopo.
Si faranno sentire e percepire parlando la lingua universale dell’anima. Come il linguaggio della musica che sempre accompagna anche me.
Non esistono lingue “straniere”ma solamente il linguaggio dell’amore comprensibile a tutti.Sono felice di poter rispondere ancora alle vostre lettere. Sono il ponte tra voi e i vostri cari cercando di essere di aiuto e tramite nel superare quello che è un lutto, il passaggio e il distacco. Con infinito bene e gratitudine a voi e a “loro”.

Lettera a una madre
Sonia cara, sono Letizia e scrivo dalla provincia di Bergamo, spero che a mia madre possano arrivare le mie parole. Grazie.
“Mamma ciao, mi manchi, nonostante siano passati tanti anni dalla tua dipartita mi manchi come se fosse successo ieri. Penso a te, penso alla vita che sei stata costretta a fare e a tutte le tue tribolazioni. Tribolazioni che ti hanno accompagnata anche nel momento del passaggio. Niente è stato mai facile per te, non ho mai dato importanza, si è bambini e poi ragazzi.
Ma adesso da donna penso al fatto che tu non hai goduto niente della vita. Spero che tu sia con la nonna e spero che adesso tu possa fare tutte le cose belle che non hai potuto fare, senza pensare a nessuno ma solamente a te stessa. Federico cresce e ti conosce perché io gli ho sempre parlato di te. Sappi che se vorrai mai farti vedere o sentire, non solo nei sogni, vieni pure perché vorrei abbracciarti. Grazie mamma per essere stata mia madre e per avermi cresciuta nel migliore dei modi. Ti voglio bene. Tua Leti.”

“Bambina, perché tu sei la mia bambina. Sto bene, libera e liberata da una vita terrena pesante e faticosa, dove l’unica vera gioia è stata avere te. Sei sempre stata silenziosa ma vivace. Curiosa di sapere e di vedere e io ho ancora il rammarico di non averti potuto dare tutto quello che avresti desiderato. Di non averti potuto dare una vita spensierata come ogni bambino dovrebbe vivere. Il rammarico che tu troppe volte mi abbia vista piangere. Una madre non dovrebbe mai piangere davanti alla sua bambina e ti chiedo perdono per questo. Sono con la nonna e da poco è arrivata la zia Angela. Ma credo tu lo sappia. Federico è un ragazzo molto sensibile che ti darà tante soddisfazioni. Parla con me ogni volta che vuoi. Non è disturbo per noi. La mamma.

Il dolore per un compagno fedele. A quattro zampe
La rubrica di Sonia BenassiCiao Sonia, mi presento, sono Daniela e scrivo questa lettera perché so che tu mi puoi capire. So che ami tanto gli animali e questa è la lettera che vorrei leggesse Pepe il mio piccolo grande amore che ha lasciato il corpo qualche mese fa. Grazie.
“Pepe, amore mio. Dimmi come stai, dove ti trovi e chi ti ha accolto. Mi manchi, mi manchi da impazzire e non mi do pace per non averti potuto salvare. Il dolore è troppo profondo, persone che mi dicono “ma prendine un altro”, non riesco nemmeno a pensarci, mi sembra di tradirti e di mancarti di rispetto. Ho bisogno di te, che tu mi faccia da guida, che tu mi faccia capire dove devo andare e che scelte fare. Sono sola e mi sento sola. A volte mi sembra di vederti tra le coperte o sul divano. Ma poi mi dico che è solo la mia fantasia. Ti prego fatti sentire e fatti vedere se davvero e te che vedo. Grazie per aver camminato con me per tutti questi anni.”

Ciao Daniela, eccome se ti capisco. Il dolore per la perdita di un nostro compagno peloso di vita è acuto e profondo. Ma loro sono vivi e sono tra le nostre guide più alte.

È stato un passaggio dolce e sereno. Non mi sono accorto di niente e ho incontrato subito la gatta che ti faceva compagnia quando eri bambina. Ci siamo guardati e ci siamo capiti. Sono sempre accanto a te e sono qua ad aiutare chi ha bisogno di conforto. Chi arriva e fa fatica a staccarsi dalla vita li. Non ho più dolori e sarei molto contento se tu adottassi un cucciolo come ero io. Non privarti dell’amore e non privare del tuo amore un altro cane che già ti sta cercando. Lo farai al momento giusto ed io ti ci farò arrivare perché il senso per noi è che la morte sia portatrice di vita. Vedo il mio guinzaglio e la mia ciotola. Al nuovo arrivato fagliene trovare dei nuovi. Non ti lascio ma anzi, sono e sarò sempre compagno della tua vita. Nonno Amedeo ti saluta.