Valuta la tua telepatia

Valuta la tua telepatia

di Giorgio Cozzi. Dovunque siate, in città, al mare o inmontagna, ecco alcuni facili test da eseguire per valutare il vostro QP (quoziente paranormale) o potenziale psichico

Valuta la tua telepatiaGli andamenti post Covid 19 lasciano ben sperare per la possibilità di effettuare vacanze. Tuttavia le norme restrittive rischiano di rendere la spiaggia un luogo fatto di tanti vuoti e distanze fisiche a cui non siamo così abituati.

Le misure per guadagnare uno spazio tra parenti o congiunti e forse tra amici, possono essere ben superiori a quanto avevamo vissuto in altre estati meno contagiate.

La spiaggia è sempre stato un luogo di giochi, che rischiano di non poter più essere svolti con la stessa leggerezza di sempre. Dal punto di vista dei contatti sociali può venire a mancare quella intimità e prossimità che caratterizzavano le nuove conoscenze.
D’accordo, la lettura è sempre un’opportunità per impegnarsi in qualcosa, così come la chiacchierata a distanza, o il caffè ordinato al bar insieme alla bibita. Peraltro ci si potrebbe anche annoiare.

Come misurare il livello di sensitività
Ecco allora che la creatività umana può riemergere inventando giochi e situazioni diverse che possono coinvolgere le persone, anche distanziate secundum legem.
Un’idea tutt’altro che peregrina, può essere di misurare il proprio livello di sensitività. Sappiamo che molte teorie suggeriscono che siamo tutti sensitivi, solo che non lo sappiamo. Quindi perché non provare a giocare con la telepatia?
Il tempo in vacanza c’è e la curiosità può spingere a provarci e a testare il grado con cui mentalmente siamo in grado di percepire i pensieri altrui. Quindi valuta la tua telepatia.

Valuta la tua telepatiaDel resto nel quotidiano quanti hanno sperimentato più volte delle coincidenze strane (“ho pensato ad un’amica che non vedevo da anni e poco dopo me la sono trovata davanti”; “è un po’ che non sento Giovanni" e quello mi chiama al cellulare; “chissà dov’è finita in vacanza Maria” e arriva un sms da Punta Ala dell’amica).
C’è chi parla di presentimento, chi sostiene che gli esseri umani quando hanno qualcosa in comune è come se fossero interconnessi (e la fisica subatomica lo spiega con il comportamento delle particelle). C’è chi è convinto di avere una particolare sensibilità che ogni tanto appare, spontaneamente, così, all’improvviso.

Trova il tuo QP, il Quoziente Paranormale
Allora, tanto per giocare un po’, tra il serio e il faceto, si possono misurare le proprie sensazioni anomale, perché non provare a testare davvero se si tratta di una fantasia o di realtà? In uno dei miei libri ho parlato di Q.P, Quoziente Paranormale.

Al di là del termine tecnico semplicemente significa che ognuno di noi ha un suo livello di Intelligenza Paranormale. Così come esiste l’intelligenza razionale, il cosiddetto Q.I. misurato da test rigorosi, così come esiste il Q.E. Quoziente Emotivo che individua quanto siamo portati all’autoconsapevolezza, all’autocontrollo emotivo, all’empatia e all’autorevolezza nelle relazioni con gli altri, altrettanto può esistere un terzo tipo di Intelligenza che va oltre i 5 sensi, come la Telepatia.

Essa consente di pensare e di sperimentare se e quanto gli esseri umani siano “intelligenti” anche su questo piano. Il bello è che lo si può fare in modo simpatico e giocoso. Io ho proposto una serie di prove che può dare una guida a chi si vuole sperimentare e su cui potete poi creativamente alternare modalità di gioco più piacevoli.

Giocate a carte coperte, con le Zener
Valuta la tua telepatiaCi si può munire di un mazzo di carte Zener (se non le avete potete costruirle copiando i simboli). Sono 25 carte costituite da 5 simboli, croce, cerchio, stella, quadrato, onde, quindi 5 x 5.

Mescolate bene e poi un soggetto prende una prima carta e si concentra sul simbolo, mentre un’altra persona - al solito metro e mezzo di distanziamento - cerca di percepire di quale simbolo si tratta. Ognuno dei due, trasmittente e ricevente, si segnano i simboli trasmessi e percepiti nell’ordine in cui sono estratti. Poi si calcola quanti indovinamenti (gli americani usano il termine guess work, lavoro di indovinamento) e se il risultato è 5 è del tutto casuale, se di più può essere significativo, purchè si ripeta per molte prove.

Invece che telepatia usate la chiaroveggenza
In un gioco da spiaggia (o da montagna, ovvio) suggerisco almeno 4 smazzate, quindi 100 simboli usati (scientificamente è poco, ma già indicativo se si supera abbondantemente il 20 casuale di indovinamenti).
Il gioco si può allargare a altre 100 smazzate dove si usa la chiaroveggenza: cioè si gira la carta senza guardarla e si scrive il simbolo percepito, poi si controlla e si verifica, con le stesse modalità statistiche.
Altrettanto ancora si può fare con un metodo precognitivo, vale a dire che si possono prevedere prima i 25 simboli che usciranno dopo averli smazzati. Stesso calcolo e sempre per 4 volte. Così si avranno 300 tentativi di cui 100 in Telepatia, 100 in Chiaroveggenza, 100 in Precognizione e un totale generale.

Immagini di amore, morte, gioia e tristezza

Valuta la tua telepatia

Foto di Adam Kontor (da Pixabay).

A questa parte più rigida si può accoppiare un gioco più divertente: munirsi di 4 disegni (o anche quadri o cartoline), di cui uno che riguarda morte o horror, uno che riguarda amore o affettività, uno di gioia o allegria, uno di tristezza o malinconia.

Chi trasmette sceglie a caso ogni volta per 20 volte un disegno e lo trasmette a un’altra persona che cerca di riceverne l’emozione.

Entrambi segnano e dopo 20 prove si confrontano i bersagli usati con quelli percepiti. È bene in questo caso non guardarsi, perché le emozioni potrebbero essere individuate da microsegnali del corpo. Cinque prove da 20 e si ottengono 100 esiti, 25 successi attesi per caso, se di più è indicativo. Quindi valuta la tua telepatia.

Successivamente si può allargare a prove libere: si disegna un oggetto e lo si trasmette e il ricevente lo deve percepire, oppure si prende una pubblicità su una rivista e il ricevente deve indovinare di quale si tratta. In questi casi la risposta non è certa e dunque va interpretata se in qualche modo corrisponde o per definizione o per colore o per sensazione (ad esempio se c’è un’immagine di un bimbo e il ricevente percepisce un gioco infantile o una mamma che accudisce il figlio piccolo è un gran risultato).

Altri giochi per valutare la propria sensitività
In spiaggia si portano spesso le carte da ramino.
Dunque un altro gioco simpatico è estrarre una carta dal mazzo e vedere se si indovina la carta o il seme o il numero. Quando non ci si conosce molto si può anche giocare sulla data di nascita (giorno, mese, anno) o sul segno astrologico o sull’ascendente.

Altro gioco divertente è dire quanto ha nel portafoglio l’interlocutore o nel borsellino le monete. Oppure si può giocare con i colori, uno visualizza e l’altro cerca di percepire. Ovviamente la creatività può indirizzare il gioco inventando altri spunti simpatici (che tipo di auto ha quel signore, quanti bambini sono in acqua in quel momento, di quante pagine è il libro che l’altro sta leggendo, ecc.).

Più si punta su aspetti emotivi di gioco e più è facile che la motivazione stimoli il sesto senso a manifestarsi e più si riduce l’effetto noia che accompagna le prove statistiche, che sono comunque una base importante per dimostrare ed esercitare la percezione extra sensoriale. Divertitevi e sviluppate la vostra sensibilità telepatica.