Vite parallele. Oltre il paradigma delle vite passate

La recensione di un libro su aldilà e reincarnazione

Vite parallele. Oltre il paradigma delle vite passate

di Stefania Bonomi. Un libro che apre ipotesi affascinanti su come ci spostiamo nello spazio-tempo e su un'aldilà molto diverso da come ci è sempre stato descritto, con tanti interrogativi

Vite Parallele di Diego Giaimi è un libro che descrive, con dovizia di particolari, diverse incarnazioni dell’anima, in una prospettiva atemporale, andando, proprio come riporta lo stesso titolo, oltre il paradigma delle vite passate e future.

Attraverso la sua capacità di migrare in queste dimensioni,  l'autore afferma che l’anima può riuscire a vivere contemporaneamente diverse vite, tutte quelle attraverso cui la nostra anima è passata.

La prima domanda che mi viene spontanea dopo avere terminato la lettura di questo libro è relativa alla reale capacità dell’autore di migrare in vite passate e future, con poche spiegazioni di come riesca a entrare in questo stato meditativo, a mio parere in parte discutibile.

L’autore spiega che l’anima vive tante vite contemporaneamente: quella attuale, quelle passate e quelle future. Diego Giaimi, in uno stato “alterato” o “modificato” descrive viaggi in cui quel punto di non ritorno a cui tutti prima o poi giungeremo, diventa un destino quasi affascinante.

Ma la realtà dell'Oltre è simile a quella terrena?

Se pur molto interessata dal suo concetto di reincarnazione in universi non consequenziali, la mia curiosità era quella di riuscire ad apprendere il metodo da lui definito “esplorazione di coscienza”, in cui la nitidezza di ciò che vede e vive, trasmette al lettore un sapore più cinematografico che medianico.

L'aldilà nel film "Nosso lar".

È davvero possibile che una persona possa fare questi viaggi (definiamoli astrali) arrivando ad un mondo invisibile, rappresentato e descritto come una quasi moderna realtà molto simile, se non quasi identica, a quella che viviamo quotidianamente? Lui e la sua guida spirituale che sorseggiano un drink immersi in un dialogo dove le spiegazioni sono minuziose e chiarissime.

Non essendoci nè spazio nè tempo laddove lui giunge, il concetto di morte fisica diventa talmente astratto da convincere il lettore che qui o là è davvero la stessa cosa: ci sono sentimenti contrastanti buoni e cattivi come quelli che caratterizzano il nostro viaggio terreno, ma ci sono anche oggetti, tavole imbandite, sentieri, oceani e colline, esattamente come quelle che un pittore può dipingere e uno scultore può rappresentare.

Ci si può reincarnare nel futuro?
E raccontando come il corpo fisico si possa reincarnare non solo in vite passate ma anche in quelle future, in cui l’autore si riconosce, arriva a sciogliere (come accade nella regressione) problematiche di origine atavica in grado di spiegare comportamenti della vita attuale. Così che il concetto di “Karma” sfuma in qualcosa in grado di rapportarci sia nell’aldiquà, che nell’aldilà.

Numerosi sono gli spunti di approfondimento come, per esempio, il cambio di paradigma dal tempo lineare al tempo circolare, gli stati di coscienza che portano all’incarnazione, la scelta del nome come supporto al proprio progetto animico.

Diego Giaimi, osteopata, diplomato in Psicogenealogia.

Interessante anche la descrizione del concepimento, dell’aborto, dell’inseminazione artificiale, del viaggio del gemello mancato alla vita, in grado non solo di coinvolgere il lettore nel viaggio intrapreso, ma capace di dare delle spiegazioni che possono attingere anche da studi scientifici.

Un libro a mio parere un po’ troppo pretenzioso, scorrevole, di semplice lettura ma in alcuni passaggi spinto al limite del fantascientifico. Ma la spiegazione, forse inconsapevolmente, la regala   lo stesso autore in questa straordinaria rivelazione:

“Credo che, come ogni grande compositore di sinfonie, ogni artista riporti nella propria opera alcuni dei movimenti e dei giochi dello spirito e dell’anima. Forse è per questo che la musica e l’arte possono aiutare le persone a spostarsi verso equilibri più elevati”.

Consigliato a chi ci crede ciecamente o a chi non ci crede per nulla e osa entrare in un universo che può anche vivere come un viaggio di estremo benessere.

Autore: Diego Giaimi
Titolo: Vite parallele. Oltre il paradigma delle vite passate
Editore: Amrita
Prezzo: 15,00 euro
ISBN: 8869961230