I prossimi Festival: mente, filosofia, biodiversità

I prossimi Festival: mente, filosofia, biodiversità

di Manuela Pompas. Ecco alcune delle manifestazioni più importanti che si terranno nei prossimi mesi legate al campo artistico, musicale, letterario e olistico

I Festival letterari e scientifici sono una bella occasione per aprire la mente, metabolizzare nuove conoscenze e nuove idee e incontrare studiosi e letterati impegnati nel loro settore. Per questo mi fa piacere segnalare alcuni eventi che si terranno nel prossimi mesi.

MidnightJazzFestival

Rudy Migliardi.

Milano, 16 - 31 luglio
Si svolgerà Palazzo Mezzanotte (piazza Affari) la dodicesima edizione del Midnight Jazz Festival, che con cinque concerti e una proiezione audiovisiva stenderà un coraggioso fil rouge per connettere e ampliare il fascino della cultura jazz. Tutte le serate sono ad ingresso libero fino a esaurimento posti.
Il concerto inaugurale vedrà esibirsi, dopo una commerazione di Demetrio Stratos, Patrizio Fariselli, fondatore degli Area.
Vedi Programma.

Cortona Mix Festival
Cortona (AR) dal 17 al 21 luglio

Incontri multidisciplinari di libri, musica, cinema, cultura, cura del corpo e della mente, promossi dal Comitato Cortona Cultura Mix Festival (composto da Gruppo Feltrinelli, Orchestra della Toscana, Accademia degli Arditi e Officine della Cultura) e dal Comune di Cortona: un'oasi di intrattenimento, riflessione e relax nel cuore dell'estate e dell'Italia.
Il Cortona Mix Festival propone un modello di evento culturale che punta all'intreccio e alla contaminazione tra le arti. Un evento in cui le diverse forme della creatività umana dialogano tra loro, senza perdere la loro specificità ma interrogandosi e reinventandosi, prima di raggiungere il pubblico in una forma spesso inedita.
Trenta gli eventi in programma, moltissimi gli ospiti, da Pippo Baudo, che parlerà del Senso del successo, al fisico Guido Tonelli, con il libro Genesi, sui segreti dell'universo.

Per informazioni, vedi sito: www.mixfestival.it
Vedi il programma

Festivalfilosofia
Modena, dal 13 al 15 settembre
.
Un Festival, dedicato alla persona che si svolgerà tra Modena, Carpi e Sassuolo, che prevede 200 eventi gratuiti, tra cui lezioni magistrali e cene filosofiche con i principali pensatori italiani e stranieri, spettacoli, mostre e anche un festival per i ragazzi.
Per informazioni e programma, vedi sito: http://www.festivalfilosofia.it/2019/?

Festival della Mente 2019
testo di Sergio Ragaini

Benedetta Marietti

Sarzana, 30 e 31 agosto, 1 settembre
Il cambiamento che viene dal futuro. Andare verso il futuro in maniera luminosa, ricordando, come diceva Baumann, che “il miglior modo per pensare al futuro è crearlo”, è invece il modo corretto per vivere il divenire, per costruire davvero quel futuro “che ci piace”.
Queste sono le prerogative del Festival della Mente di Sarzana, giunto quest’anno alla sua sedicesima edizione, e che si terrà dal 30 agosto all’1 settembre 2019 e che sarà, appunto, dedicato al futuro.

Il nome del festival rievoca la psicologia e lo studio della mente. Questa ci sarà, ad esempio con Massimo Recalcati, insigne psicologo. Ma “mente”, in questo caso, è da intendersi come creatività, come quello slancio creativo che rende il mondo e l’uomo migliori. E in questa edizione, si parlerà proprio di come la creatività possa condurci verso quel futuro “che ci piace”, partendo dal presente per proiettarsi verso il divenire.

La manifestazione entrerà in tutti i campi della conoscenza, fini a spingersi verso le nuove frontiere della ricerca. Si comincerà con un “volo nello spazio”, grazie alla “Lectio Magistralis” di Amalia Ercoli Finzi, uno dei massimi ingegneri aerospaziali del mondo, per poi volare dentro e fuori di noi, cercando di immaginare i futuri possibili. Tra i quali non potrà mancare la robotica, con Barbara Mazzolai, inventrice del primo robot ispirato al mondo delle piante.

Naturalmente, un occhio sarà dato anche ad un possibile “mondo del futuro”, sia dal punto di vista paesaggistico che architettonico, dove, rispettivamente con Carlo Ratti e Mario Agnoletti, queste tematiche saranno affrontate. Con Filippo Grandi invece si cercherà di comprendere come i flussi migratori, di cui già oggi abbiamo esempi spesso drammatici, potrebbero influenzare il nostro futuro.

Spazio anche alla musica, dove gli appuntamenti in calendario ci porteranno a cercare di tracciarne un linguaggio possibile per il divenire. La giovanissima Beatrice Venezi, una delle più giovani direttrici d’orchestra del mondo (classe 1990) ci porterà a scoprire quel “non tempo” in un qualcosa che, come la musica, vive invece di tempo. Il confronto tra linguaggi musicali sarà invece protagonista di un incontro con cesare Picco e Alessio Bertallot, nel quale si cercherà un parallelo, per alcuni impossibile, tra pianoforte e “dj groove”.

Il futuro, però, è qualcosa che si crea passo passo, come noi lo vogliamo. Di questo parlerà Lorenzo Jovanotti con il fisico Paolo Giordano. Qui la creazione di un futuro incontrerà la fisica. E forse capiremo, come diceva Einstein, che davvero “sintonizzandosi sulla frequenza della realtà che desideriamo” la potremo ottenere.

Ovviamente, in un festival proiettato verso il divenire, non poteva mancare uno spazio per le nuove generazioni, che rappresentano il nostro divenire. Per loro diversi eventi dedicati, tra cui uno in cui saranno guidati a disegnare la comunicazione del futuro nei manifesti. L’immaginazione, comunque, ci può portare anche a costruire un possibile futuro senza l’uomo. Di questo parlerà il noto antropologo Telmo Pievani, in una conferenza dal suggestivo titolo: ”E lo chiamavano sapiens”.

Non mancheranno anche gli spettacoli, tra cui se ne può segnalare uno dedicato all’intelligenza artificiale. Gli eventi saranno in tutto 66. Tre di questi vi sono già stati, a maggio, in una sorta di “anteprima”, presso il teatro degli Impavidi di Sarzana.

La presentazione del festival è avvenuta nella suggestiva cornice della Casa degli Atellani, a Milano, in un palazzo dove gli “echi” di Leonardo da Vinci sono ancora presenti. Presenti, oltre alla direttrice del festival Benedetta Marietti, anche Claudia Ceroni, presidente di Carispezia, Cristina Ponzanelli, sindaco di Sarzana e Francesca Gianfranchi, curatrice della sezione dedicata ai giovanissimi.

I protagonisti: https://www.festivaldellamente.it/it/category/protagonisti/
Per informazioni e programma
, vedi sito: https://www.festivaldellamente.it/it/festival-della-mente-16-edizione-dal-30-agosto-al-1-settembre-2019/

Festival della Biodiversità
Milano, 12-22 settembre

Il Festival della Biodiversità nasce nel 2007 con l’intento di coinvolgere il grande pubblico per comprendere il valore e l’importanza della biodiversità nello sviluppo sostenibile. In particolare il Festival vuole mettere in risalto gli interventi di riqualificazione ambientale e naturalistica, i paesaggi rurali e naturali presenti anche in città, gli ecosistemi a rischio di impoverimento e i saperi materiali e scientifici di culture rispettose della natura, con uno sguardo al futuro del Pianeta.

Per informazioni e programma, vedi sito: http://www.festivalbiodiversita.it/

E infine… la mappa completa dei festival italiani