Parigi a piedi nudi

Parigi a piedi nudi

di Manuela Pompas. Una zitella canadese va a Parigi per cercare la nonna. E tra una gag e l'altra trova la nonna ma anche l'amore

Registi, autori, produttori : Fiona Gordon e Dominique Abel
Interpreti: Fiona Gordon, Dominique Abel e Emmanuelle Riva.
Produzione franco-belga del 2016.

Un’operina surreale, clownesca, un po’ folle ma molto divertente, che richiama in molte scene Monsieur Hulot di Jacques Tati (ricordate?) e provoca negli spettatori – quelli che si lasciano andare - reazioni infantili, che fanno ritrovare il piacere di ridere a crepapelle per niente. O meglio, fanno riemergere l’ingenuità, la semplicità, il candore dell’infanzia che abbiamo sepolto in noi. Questo mi rievoca un ricordo personale: adolescente, ero andata a rivedere Cenerentola e gli unici a ridere in alcune scene, come quella dove il re e il principe saltano sul materasso, erano… gli adulti.
Gli attori/autori teatrali sono al loro quarto lungometraggio.

La trama (che non raccontiamo nei particolari per lasciare allo spettatore la sorpresa delle varie trovate). Una zitella canadese, Paese di genti gelidi, infantile, ingenua e sprovveduta, lascia il suo Paese gelido e ventoso e il suo lavoro di bibliotecaria per cercare la nonna svampita e avventurosa partita anni prima per Parigi, di cui non aveva più notizie. E a Parigi le succede di tutto, prima perde il sacco, con vestiti e i documenti, poi cade nella Senna, incontra Dom, un clochard seduttore con indosso i suoi vestiti, che spende i soldi trovati nella sua borsa in bottiglie di champagne: lui la invita a ballare in una danza surreale come loro, in cui si esibiscono assurdamente come ballerini professionisti. Si lasciano, si ritrovano, si innamoramo e naturalmente ci sarà un improbabile, assurdo lieto fine.

Il film si basa su sketches divertenti, uno dopo l’altro, in cui si incontrano personaggi disegnati come macchiette da cabaret, fino al ritrovamento della nonna, un’arzilla vecchietta (ultima apparizione di Emmanuelle Riva, prima di andarsene dalel scene di questa Terra) che si nasconde per sfuggire ai servizi sociali che la vogliono rinchiudere in un ospizio, mentre lei ha ancora tanta voglia di vivere e di divertirsi. Anche con gli uomini.
DA VEDERE

Il trailer del film: https://www.youtube.com/watch?v=cN6w3AjwPjQ