Piccola impresa meridionale bis

Uno spettacolo di Rocco Papaleo
Accompagnato da: Francesco Accardo, chitarra – Jerry Accardo, percussioni – Pericle Odierna, fiati – Giustino Rondolone, contrabbasso – Arturo Valiante, pianoforte
Al Teatro Franco Parenti di Milano fino al 23 febbraio

Non è la trasposizione teatrale del film che porta lo stesso titolo, interpretato e diretto da Rocco Papaleo, Rocco+Papaleo+2013ma del film riporta la stessa aria scanzonata, leggera, divertente, che distingue l’attore nei suoi lavori. E’, come lo definisce lui stesso, un “esperimento” di teatro canzone, con musiche, battute, a volte battutacce, perché un po’ facili, dove si ride –ancora! – per una frase colorita, e poi ricordi, annotazioni, storielle, richiami a momenti autobiografici. E’ divertente, si ride molto, Papaleo è simpatico, apparentemente spontaneo, colloquia e interagisce col pubblico. Uno spettacolo che ha molti richiami d’antan, mi sembrava di essere in un cabaret anni ‘70, con qualche canzone che richiama in qualche modo i Gufi, o Fred Buscaglione, per fare due nomi, e la voglia di intraprendenti musicisti in erba (però questi no, sono ottimi professionisti, è l’atmosfera che evocano che mi fa parlare così) di trovare una chiave che li contraddistingua nel proprio percorso professionale.

Manuela Pompas
Giornalista, scrittrice, ipnologa, è considerata un'importante divulgatrice nel campo della medicina olistica, la ricerca psichica, la psicoterapia transpersonale. Ha scritto numerosi libri su questi argomenti e la sua ricerca cardine riguarda la reincarnazione attraverso l'ipnosi regressiva. Spesso ospite nei convegni come relatrice sulle tematiche che riguardano la sopravvivenza, è stata spesso in radio e in Tv e ha condotto anche trasmissioni in una Tv privata.