L’antica saggezza india

Una ONG per aiutare gli indios dell'Amazzonia

L’antica saggezza india

Mauro Villone è un fotografo italiano che si è trasferito in Brasile, dove dirige Para-Ti, una ONG che lavora a sostegno delle favelas e per aiutare alcune popolazioni indgene, che lottano per la sopravvivenza. «Ma sono anche depositarie di un'antica saggezza, di cui dobbiamo tenere conto per ritrovare una migliore qualità della vita»

1 Fritjof-Capra

Il fisico Frijof Capra

2 prigogine

Ilya Prigogine.

In un recente volume intitolato Vita e Natura, una visione sistemica, gli scienziati Fritjof Capra e Pier Luigi Luisi spiegano come la corretta visione della vita sia quella che, in estrema sintesi, considera la vita stessa, la terra, l’universo, come un unico sistema di infiniti fattori interdipendenti. Questa visione sistemica fa capo a una grande pletora di grandi pensatori del XX e XXI secolo, che annovera matematici, biologi, astrofisici e personaggi come lo scomparso Ilya Prigogine, premio Nobel per la chimica. Fritjof Capra, un fisico delle alte energie (sopra, a sinistra, vicino a Prigogine), nel suo famoso Il Tao della fisica aveva già spiegato alla fine degli anni ’70 come tale filosofia sia in convergenza con antiche filosofie di tutti i popoli, come i Veda Indù e i Sutra Buddisti o il Popol Vuh dei Maya.  Questi stessi scienziati sostengono come numerosi fattori politici, filosofici, economici, psicologici, matematici, sociologici, debbano essere profondamente rivisti affinché l’umanità possa sopravvivere con una buona qualità della vita in futuro.
Per fortuna, nello sfacelo generale, ci sono anche grandi istituzioni che lo stanno facendo con diversi programmi. All’interno di questi, le persone e le istituzioni evolute vedono negli indigeni una grandissima risorsa per la salvaguardia ecologica, la rinascita culturale e umana, Pajes.Hunu.Kuin.000il recupero del contatto con la Terra. Sono addirittura considerati strategici. Ma esistono anche antiche profezie indigene, che vanno dai Huchol del Messico agli Ashaninka dell’Amazzonia, fieri discendenti degli antichi Inka, per le quali in quest'epoca la sapienza indigena si sarebbe diffusa per salvare l’umanità.
In Brasile, Messico, Ecuador e in altri paesi dell’America Latina, ma anche in USA, è in corso un vasto movimento di rivalorizzazione delle culture indigene, devastate e schiacciate per 500 anni. Tale movimento si collega a quello ancora più vasto che vede l’espandersi e l’approfondirsi, per l’appunto, della visione olistica e sistemica della vita.

Una lotta per la sopravvivenza
Io passo la maggior parte dell’anno in Brasile, dove dirigo una ONG per l’aiuto educativo e logistico a decine di bambini di favelas e dove realizzo programmi di viaggio solidale. Con la stessa istituzione da oltre due anni sosteniamo tribù indigene che, mentre da una parte sono in serie difficoltà di sopravvivenza, dall’altra sono portatrici di una sapienza antichissima. Alcune di loro sono riuscite a mantenere, incredibilmente, per tutto il tempo dell’invasione occidentale, un profondo legame con tradizioni ancestrali, che possono risalire anche a 10.000 anni fa.
la_spiaggia_di_Sao_Conrado_a_Rio.jpg.Il nostro lavoro è in collegamento soprattutto con i popoli Fulni-ô e Huni-Kuin. I primi si trovano in Pernambuco e sono gli unici dell’area Nord-Est del Brasile che sono riusciti a non soccombere. Sono custodi di una sapienza incredibile, di cui ho già parlato in questo magazine, e utilizzano canti, danze, pitture corporali, erboristeria, numerose tecniche di meditazione. Mentre gli Huni-Kuin (il popolo pipistrello) vivono in Amazzonia Meridionale e sono tra i più profondi e antichi conoscitori e utilizzatori della miscela allucinogena sacra dell’Ayahuasca.
Il lavoro è impegnativo. Ospitiamo nella nostra Guesthouse i gruppi di Pajés (sciamani) quando sono a Rio. Organizziamo i rituali e le cerimonie nella nostra sede. Collaboriamo inoltre con il gruppo del medicine-man brasiliano Carlos Sauer, il quale organizza diverse attività ne “La casa dell’Aquila", il centro che ha creato a Rio. La Casa dell’Aquila è immersa nella foresta, pur essendo in città, e dispone di piscina naturale tra le rocce, cascata, una caverna adatta alla meditazione e alla cura con i cristalli e diversi spazi per le attività fisiche, lo yoga, la meditazione, le ruote di cura intorno al fuoco. Qui si organizzano eventi settimanali dove spesso sono presenti sciamani Fulni-ô. Si può partecipare a corsi di canto sciamanico, yoga e sciamanismo e accedere a consultazioni di cura sciamanica private.
Sauer, discendente da una famiglia di medium e curanderos, preferisce definirsi “facilitatore olistico” e si è formato allo sciamanismo con, tra le altre cose, venti anni di vita coCARLOS.SAUER.A.PARA.TI.DURANTE.UNA.RUOTA.DI.CURAn una tribù Cheyenne in USA, dalla quale era stato “adottato” quando aveva 20 anni. Oggi ne ha 56. Insieme a lui organizziamo eventi olistici di varia natura creando punti di contatto e relazione tra diverse culture tradizionali e ancestrali.
Per fare un esempio, a inizio aprile abbiamo in calendario alcuni Satsanga e un Workshop di meditazione dinamica con il Guru indiano Atma-Ji, che spesso invitiamo in Brasile, anche in collaborazione con gruppi del Mato Grosso. Stiamo iniziando a organizzare eventi in Italia sia con gli sciamani brasiliani che con i maestri indiani.
La sede della nostra ONG Para Ti e della Casa dell’Aquila sono vicinissime e si trovano nella zona sud di Rio, immerse nella foresta della Tijuca.

Un punto di riferimento per la cultura olistica
La nostra ONG Para Ti opera da 25 anni con il Centro per i bambini che, al di là dell’aiuto umanitario, si è rivelato anch’esso strategico sul piano terapeutico, dando la possibilità di permanenze brevi o lunghe a volontari attentamente selezionati che ci aiutano nelle attività. I volontari possono partecipare a un workshop di volontariato della durata di dieci giorni, dopo di che possono fermarsi per il periodo che desiderano. Sia il workshop che la permanenza sono a pagamento, l’investimento richiesto diminuisce in relazione al periodo di permanenza. L’attività di volontariato è estremamente benefica sul piano spirituale e umano e complementare a quelle di sciamanismo e meditazione.

Con.Xowa.Tapuya.a.Para.Ti(1)

Mauro Villone con il suo amico Xowa Tapuya.

Para Ti e Casa dell’Aquila insieme raccolgono fondi per un aiuto logistico concreto ai Fulni-ô in Pernambuco poiché, essendo in povertà, senz’acqua e con poco cibo, stanno affrontando difficoltà notevoli. Gli obiettivi sono lo scavo di pozzi artesiani e il varo dell’attività culturale nelle scuole e di turismo solidale nella loro zona, in modo che possano contare su un minimo di introiti per la sopravvivenza delle 5.000 persone del villaggio. I punti fondamentali sono l’acqua, il cibo e la rimozione dei rifiuti lasciati dalle inondazioni periodiche, che sopravvengono improvvisamente nelle aree devastate dalle lunghe siccità.
Casa dell'Aquila e Para Ti stanno diventando un punto di riferimento per la cultura olistica e sciamanica a Rio, dove Sauer organizza anche annualmente quelli che lui ha battezzato Spiritual Journey. Viaggi alla scoperta della Rio spirituale nei suoi numerosi aspetti. Rio si sta avviano ad essere una delle capitali spirituali mondiali. Uno di questi viaggi collettivi è previsto per fine agosto e prevede cerimonie con i Fulni-o, pitture corporali, canti e danze, visita a Centri spirita e a centri di Candomblé, Meditazioni nelle foreste e nelle isole antistanti, incontri con sensitivi e curanderos. Rio è realmente una fucina di proposte spirituali di ogni tipo.

Esperienze con le erbe sacre
Il lavoro che stiamo facendo con gli sciamani Huni Kuincoinvolge un gruppo che annovera studenti, ricercatori, artisti di Rio, ma anche viaggiatori provenienti da tutto il mondo. Si tratta di un lavoro di ricerca interiore molto profondo, basato sull’utilizzo della miscela allucinogena sacra dell’Ayahuasca.

Montagne.di.Itaipava..Battesimo.con.le.erbe.dopo.la.notte.con.la.Medicina.Sacra

Una cerimonia con le erbe sacre a Itaipava.

Il gruppo di Rio si riuniva inizialmente a Pedra Luz, sulle montagne retrostanti Rio de Janeiro. Lo spettacolare parco tropicale di una villa che venne regalata a fine anni ’80 da Jimmy Page, il mitico chitarrista dei Led Zeppelin, alla sua fidanzata di allora, una signora argentina che dopo il 2000 iniziò a prestare la location per le cerimonie sacre.
Esiste una sottile linea di contatto tra quanto sta avvenendo oggi e il movimento Hippy degli anni ‘60/’70, che preparò il terreno all’attuale sviluppo spirituale che sta portando all’espansione della coscienza globale. A Pedra Luz ebbi la mia prima esperienza con l’Ayahuasca due anni fa. Poi la villa è stata venduta e ora le cerimonie avvengono altrove. Una delle attuali location è il “Volo dell’Aquila”, uno splendido spazio tra montagne e cascate a Itaipava a cento chilometri da Rio de Janeiro, nell’interno. I rituali avvengono sempre rigorosamente sotto la guida di sciamani Huni Kuin provenienti dall’Amazzonia, discendenti di un popolo che utilizza questa tecnica da almeno 10000 anni. Ma si tratta di un lavoro estremamente complesso e profondo che merita una trattazione a sè. Montagne.di.Itaipava..Dopo.la.notte.con.la.Medicina.SacraL’ultimo incontro è avvenuto una decina di giorni fa sulle montagne di Itaipava, sotto la guida di Txana Ikakuru Huni Kuin, Grande Maestro della Medicina Sacra dell'Ayahuasca. Giovane leader spirituale dell'Aldeia Boa Vista, Terra indigena Kaxinawà dell'Alto Rio Jordao, Amazzonia.
Gli incontri sono sempre caratterizzati da un’atmosfera profondamente mistica e da un senso di unione e di condivisione familiare tra tutti i partecipanti. La mattina seguente la notte passata in volo psichico è davvero meravigliosa. Dopo la condivisione della colazione si passa la giornata in meditazione e tra bagni di cascata e rituali di passaggio, come il battesimo con le erbe sacre.
Il fermento spirituale e culturale a Rio, come in gran parte del Sudamerica è molto forte, così come sta avvenendo anche in altre parti del mondo, in Europa e Stati Uniti. In una prossima occasione avrò modo di parlare dei numerosi ecovillaggi e villaggi spirituali che stanno sorgendo in molte parti del mondo. Cerchiamo con queste attività e il nostro impegno di dare un contributo all’espansione del movimento culturale/spirituale di cui ho parlato in apertura e che, crediamo, possa determinare seriamente i­­­­l cambiamento delle sorti dell’umanità in futuro.

Per saperne di più:
Un video: https://www.youtube.com/watch?v=Nc3XB3V25xI
Sull'Ayahuaska: http://www.unaltrosguardo.it/2014/12/allucinogeni-sacri-ayahuasca-3.html
Per chi volesse ulteriori informazioni: [email protected]

Foto e testo di Mauro Villone