La medicina quantistica

La meccanica quantistica (o fisica quantistica) descrive il comportamento della materia a livello microscopico, livello nel quale decadono le leggi che appartengono alla meccanica classica o Newtoniana. Il concetto base è che ogni campo di forze si manifesta sotto forma di particelle “pesanti” (quanti). Questa scoperta è di Max Plank (1858-1947), per la quale nel 1918 ricevette il Premio Nobel per la Fisica; e, per’è’èà tale ragione, l’unità fondamentale di scambio di questa energia è chiamata “costante di Plank”, il cui simbolo è “h”. Qualunque scambio di energia nel nostro universo deve avvenire come multiplo di questa costante. Per comprendere cos’è la costante di Plank ricorriamo ad un esempio. Per costruire una casa abbiamo bisogno di mattoni. Compreremo quindi dei mattoni che abbiano una forma ed un peso predefinito, ovvero costante, e cioè mattoni da mezzo chilo o multipli di esso (un chilo, un chilo e mezzo, due chili, ecc.). Quindi la costante di Plank esprime un valore fisso e non frazionabile in cui l’energia di una radiazione è divisa.

Onda elettromagnetica
Un’onda elettromagnetica

Continuiamo con l’esempio. Questo numero crescente di quanti che aggiungeremo per costruire il nostro muro man mano diventerà un atomo con i suoi protoni ed elettroni. Successivamente aggiungendo altri quanti (o mattoni) diventerà una molecola ed infine avremo dei cristalli e da ultimo un mattone che potremo toccare e pesare. Saremo così passati dall’invisibile a ciò che nella nostra realtà possiamo vedere e toccare con mano; un bel mattone che potremo utilizzare per costruire una casa, che i nostri sensi possono percepire. Tutto ciò che abbiamo appena descritto accade in tutta la nostra realtà fisica. E quindi tutto quello che ci circonda soggiace a questa legge. Il nostro universo fisico, per essere costruito ha bisogno dei “quanti”, che aggregandosi creano il nostro mondo visibile. La fisica quantistica ci dice anche che i mattoni (quanti) si aggregano fra loro per formare la realtà fisica nel momento in cui uno o più osservatori (uomini) immaginano ciò che loro vogliono realizzare. Quindi la consapevolezza ed i quanti creano la realtà visibile.
Molti miliardi di anni fa il nostro universo è stato creato da un numero infinito di coscienze che hanno concordato su un determinato modo di coagulare la realtà. Col passare di miliardi di anni, i nuovi nati hanno continuato a concordare sulla realtà che trovavano al loro arrivo (il sole, la luna, il mare, gli alberi, il vento, i pesci, gli uccelli, la nascita, la morte, le malattie, la salute, la rabbia, il dolore, la gioia, gli incontri, gli abbandoni, le religioni, la storia, la filosofia, i pianeti, le condizioni atmosferiche, ecc.) rendendo inconsciamente vera questa realtà. La fisica Newtoniana e tutta la scienza del XIX e XX secolo non ha fatto altro che tentare di regolare con leggi “scientifiche” questa realtà, facendo diventare il nostro universo ed il nostro pianeta una macchina che funziona mettendo insieme tanti pezzi. Se nel sistema macchina viene inserita una variabile (es. aumento dell’anidride carbonica nell’atmosfera causata dalle automobili, dalle ciminiere dei riscaldamenti e delle industrie) il pianeta meccanicamente risponde con l’aumento della temperatura, misurabile secondo la fisica newtoniana con normali addizioni o moltiplicazioni. Nei fatti, tutto quello che abbiamo detto viene creato personalmente dall’osservazione e dalle credenze degli esseri umani che, così come l’hanno creato, possono consapevolmente cambiarlo.

Una volta c’era un solo tipo di medicina, quella tradizionale, fatta di sintomi, diagnosi e terapia. Poi si sono diffuse quelle alternative, dalle diverse fortune: la antroposofica, l’ayurveda, l’omeopatia… Ma da qualche tempo a questa parte si parla molto di una nuova tipologia: la medicina quantistica, che sembra fondere insieme corpo e anima, fisica e metafisica.
Nell’ambito della medicina bioenergetica, che studia gli equilibri e le dinamiche delle energie trasmesse o prodotte da cellule, tessuti e organi, la medicina quantica esplora profondamente l’anatomia energetica del corpo umano: studia l’energia vitale, elemento essenziale di trasmissione e coesione dal quale dipende la vita.
Secondo una moderna visione olistica, questa energia unisce l’uomo nella sua realtà fisica e psichica, materiale e spirituale, macro e microcosmica. L’energia vitale nasce con noi e preserva, durante la vita, i delicati equilibri che costituiscono lo stato di salute. Se il flusso energetico viene perturbato o per qualsiasi ragione si altera l’equilibrio, si iniziano ad avvertire disturbi e sofferenze e, conseguentemente, si sviluppa la malattia. Questo fatto viene insegnato dalla medicina tradizionale cinese (MTC) da più di cinquemila anni.
Mensch und AbwehrkräfteOggi, con la moderna tecnologia basata su sistemi e strumentazioni sofisticati, in grado di produrre e misurare variazioni “quantiche” di energia (secondo il fisico Plank, 1830, un “quanto” di energia equivale a 10-23 Watt/cm), si integra e si spiega la millenaria esperienza della MTC. A proporla, come valido metodo di cura delle più comuni patologie, non sono i classici guaritori, ma medici che lavorano in ospedali o centri di ricerca di tutto rispetto. Eppure, nonostante la laurea regolarmente conseguita sulla base delle nozioni scientifiche comunemente accettate, hanno poi seguito un percorso che li ha condotti ad una prospettiva differente. La medicina quantistica, infatti, parte dal presupposto che la malattia sia l’effetto di una distorsione del campo magnetico che regola le reazioni chimiche cellulari nel corpo umano. Conoscere il campo magnetico caratteristico di ogni singolo individuo significa sapere quali patologie si possono sviluppare. Inviando nell’organismo le frequenze corrette con appositi macchinari è possibile eliminare le distorsioni che le hanno prodotte e ristabilire lo stato di salute.
Ma non solo. Il medico quantistico ritiene di poter curare anche l’anima. Perché – dicono i sostenitori – anche le emozioni presentano frequenze specifiche. Dunque, si può disegnare il quadro psicologico del paziente, scoprirne i problemi, evidenziarne lo stress. E anche in questo caso, questa forma di medicina energetica sarebbe in grado di intervenire per riportare il tutto all’equilibrio iniziale, agendo anche su traumi pregressi. Insomma, una terapia mirata sull’individuo nel suo insieme, come soma e psiche.

Franco Lenna
Vive a Pordenone. Si occupa da molti anni di MEDICINA OLISTICA, cioè usa dei rimedi naturali (Omeopatia, Fitoterapia...) per la cura e la prevenzione delle malattie e per mantenere lo stato migliore di salute, con un approccio psicosomatico, energetico e sistemico. E' anche medico esperto di MEDICINA BIOFISICA/QUANTISTICA, utilizza cioè apparecchiature di Biorisonanza Magnetica, utili per moltissime patologie e per la prevenzione. Utilizza il suo metodo "MEDICINA E ANIMA" (Verdechiaro Ed), che consiste nell'abbinare la Medicina Olistica, la Biorisonanza e la Meditazione per avere risultati significativi in molte patologie. Conduce conferenze e corsi sia per medici che per persone interessate. Mailto: lenna.franco@libero.it