Dalla chimica alla biofisica

IL NUOVO PARADIGMA DELLA MEDICINA

Dalla chimica alla biofisica

L'origine profonda di una malattia non si trova nell'organo ammalato, ma nelle alterazioni vibrazionali tra le unità funzionali coinvolte come uniche cause di una malattia. La medicina quantistica regola l'omeodinamica dell'aspetto psichico, mentale e della conoscenza superiore dell'organismo stesso, che influenzano sincronisticamente tutte le funzioni biologiche e cellulari del sistema vivente

Il paradigma fisico, dalla scoperta dei raggi X, è sempre stato un supporto per la medicina, che evolvendosi attraverso la risonanza magnetica nucleare, frequenzela TAC, l'elettrocardiogramma, l'elettroencefalogramma e ogni forma di ecografia è giunto sino alla scansione EMR (microscopia elettronica) con la quale si giunge ai confini del corpo eterico. Ma oggigiorno con il pensiero quantistico si è arrivati alla consapevolezza che la realtà che ci circonda, non solo di questo pianeta, ma dell'intero cosmo, è informazione pura, che prende forma attraverso il concetto di frequenza, di vibrazione e di onda. Essa ha una struttura sconvolgente, per cui è sconvolgente il senso dell'esistenza stessa, in quanto quest'informazione, questo "rumore di fondo", ha delle caratteristiche straordinarie: infatti è unica, collimata e connessa.
L'informazione è energia che si sostanzia in luce organizzata e direzionata: i cosiddetti quanti. Nei prossimi articoli, spiegheremo meglio questi concetti importantissimi e fondamentali per capire il nuovo paradigma della medicina.

L'entanglement quantistico
Per ora chiarifichiamo meglio il concetto di medicina quantistica.
L'organismo vivente è un'individualità inscindibile di materia e di energia come il pensiero einsteiniano conferma con la fisica della relatività assieme al principio di indeterminazione di Heisenberg. Forma e struttura stanno come massa ed energia: questa è una equazione che mette in rapporto la biologia con la fisica contemporanea. cosmos1Questo concetto appartiene già al paradigma della biofisica. Ma l'energia è informazione vibrazionale, quindi un qualsiasi corpo materiale emette o assorbe vibrazioni attraverso informazioni frequenziali, attraverso comunicazioni numeriche discrete. Questo concetto di comunicazioni numeriche discrete è fondamentale per il concetto di "rete" che interconnette ogni struttura-forma con la struttura-forma dell'universo: questo è il concetto di entanglement quantistico, imprescindibile se si vuole capire che cosa si intende per medicina quantistica.
Ciascuna cellula di ogni sistema vivente oscilla, poiché il DNA dà l'onda di forma caratteristica di ogni cellula, quindi funziona come un trasmettitore-ricettore d’informazioni sequenziali e quindi frequenziali. Perciò tutte le cellule del medesimo organismo sono continuamente e simultaneamente in comunicazione tra loro, scambiandosi vicendevolmente informazioni attraverso gli innumerevoli campi elettromagnetici, da quelli subatomici a quelli molecolari, a quelli della complessità cellulare. In questo modo si ottiene una rete comunicazionale di connessione tra le varie interazioni teleologiche, perciò finalistiche e funzionali della biologia dell'organismo. Tutto questo avviene a tempo zero e a distanza zero, simultaneamente, secondo la legge di sincronicità. Questo è l'entanglement quantistico.

Un nuovo paradigma biofisico
Questa struttura fisiologica costituisce il cosiddetto sistema di autoregolazione per il miglior benessere ed efficienza dell'organismo. Intervenire su questa scala e quindi su questo livello infinitesimale intracellulare definisce la cosiddetta medicina della regolazione, ma la medicina della regolazione è un intervento di ordine quantico poiché il concetto di entanglement è un concetto di "intreccio" di parti differenti dell'unica realtà.
La medicina quantistica perciò riequilibria l'omeodinamica fisiologica dell'organismo. Se l'entanglement è l'unità del tutto, significa che la medicina quantistica regola l'omeodinamica anche dell'aspetto psichico, mentale e della conoscenza superiore dell'organismo stesso. Infatti questi aspetti influenzano sincronisticamente tutte le funzioni più prettamente biologiche e cellulari del sistema vivente.

quantum-entanglement1

L'entanglement è la legge per cui due particelle (fotoni, ma anche le nostre cellule) entrate in contatto tra loro rimangono collegate anche se separate.

L'entanglement si esprime perciò unitariamente attraverso comunicazioni numeriche discrete, cioè attraverso le frequenze, e non distingue una forma, per esempio quella del rene, dal sapore salato, dalla paura dal punto di vista emotivo, dalla volontà dal punto di vista personologico, dal tessuto osseo, ugualmente come le antiche medicine tradizionali affermano. La frequenza invece, sa discriminare il livello materiale e fenomenico dell'unità analogica vibrazionale. Questo significa che la frequenza individua la struttura biologica precipua che identifica l'unità funzionale che si vuole trattare. La frequenza della vibrazione è univoca perché identifica la struttura fisiologica nella sua contemporaneità cellulare ed energetica.
Viene da sé che nel nuovo paradigma biofisico della medicina non si cura attraverso i sintomi, i quali sono l'effetto finale di cause che si trovano ben lontano dalla causa primaria. Sono invece catene causa-effetto e sono la caratteristica della cosiddetta "cura" nella medicina chimica corrente allopatica, la quale è meramente palliativa.

Un sistema di interconnessioni
Nel nuovo paradigma biofisico della medicina si pensa per interconnessioni: il principio su cui si muove la medicina vibrazionale è la regolazione delle differenti unità funzionali dell'organismo, che sono sconnesse tra loro.

players.season.image.p1.low(1)

Tutti gli elementi del corpo, cellule e organi, funzionano come un'orchestra: se qualcuno stona, occorre riportare l'armonia.

Questo vuol dire, come infatti è, che l'origine profonda di una malattia - e quindi la sua guarigione - non si trova nell'organo ammalato e nemmeno nell'apparato, ma nelle alterazioni vibrazionali tra le unità funzionali che sono coinvolte come uniche e vere cause di una malattia.
Lo strumentista che stona fa stonare tutta l'orchestra, la sinfonia non è più tale ma diviene una cacofonia, il direttore dell'orchestra dà il "la" allo strumentista stonato e l'orchestra riprende a suonare la sua sinfonia. Questo è l'esempio più elementare e semplice, ma anche molto esplicativo, di quello che succede nella regolazione delle unità funzionali nel nostro organismo quando si tratta di guarire attraverso la medicina quantistico-vibrazionale.
Con questi principi, scendendo nella pratica, oggigiorno possiamo, con un'apparecchiatura che è all'ultima frontiera, applicare due elettrodi sulle caviglie e inviando in nove minuti 100 milioni di microimpulsi - verificati nella loro autenticità con un secondo invio di controllo - otteniamo una mappatura dell'intero organismo scannerizzandolo in ben 720 microporzioni che sono le Unità Funzionali precedentemente menzionate.

Die.Behandlung

La VitalfeldTherapie, un apparecchio selezionato come macchina diagnostica  della NASA, dà una mappatura dell'intero organismo.

Misurando così ogni distretto dell'organismo nulla che sia anomalo si può sottrarre all'attenzione del medico, poiché ogni frequenza percepita è confrontata e paragonata con la frequenza standard. La macchina ha in memoria anche la qualità degli scostamenti dal modello standard, per cui il medico può interpretare la differenza qualitativa oltre che quantitativa e quindi ha la capacità di intervenire in modo personalizzato sul paziente. Questo sistema, che si chiama VitalfeldTherapie (dal tedesco, terapia del campo vitale), segnala perciò al medico le anomalie anche leggere che non hanno ancora dato sintomi, permettendo al terapeuta di eseguire delle diagnosi anticipate in chiave preventiva, se le alterazioni cellulari sono così minimali che non hanno prodotto una formazione di sintomi, o addirittura predittiva, ovvero diagnosi così anticipate che non esiste ancora una vera massa cellulare anomala.

Individuare le terapie e i farmaci più adatti
Ma ancora di più! Ogni farmaco naturale, allopatico, quindi composto da molecole di sintesi, o omeopatico, spagirico, floriterapico, fitoterapico, oligoelemento, ayurvedico o antroposofico che sia, è composto da un principio attivo, il quale per sua natura, come ogni cosa in questo universo, è caratterizzato univocamente da una informazione frequenziale vibrazionale: e proprio per questo motivo la macchina emette la correzione quantistica e quindi regolativa dell'alterazione.

o.MARTE.facebook

Il sistema della La VitalfeldTherapie è stato selezionato per minitorare gli astronauti durante la prossima missione MARS.

In questo modo si possono scegliere le terapie più efficaci, in quel dato momento, per il singolo paziente, personalizzando così la cura e quindi la guarigione. Da questo punto di vista, anche i punti dell'agopuntura cinese sono un'informazione vibrazionale, dato che informano frequenzialmente l'organismo: per questo si può intervenire in chiave di terapia agopunturistica senza pungere con gli aghi.
Questo dimostra la particolare sensibilità dell'apparecchio vibrazionale. Infatti questa strumentazione è stata selezionata come macchina diagnostica e terapeutica dalla NASA, dalla ESA europea, dall'equivalente russo delle Agenzie Astronautiche europee per la selezione e il monitoraggio in orbita dell'equipaggio nelle prossime missioni spaziali tra cui anche il Progetto MARS. Negli interventi successivi di questa trattazione affronteremo anche nuovi modelli per “far medicina".